Per il Kleb Basket Ferrara arriva la terza sconfitta consecutiva, inutile la prova incredibile di Cortese autore di 23 punti: al PalaBam di Mantova si sono imposti i padroni di casa della Dinamica Generale, che hanno sfruttato al meglio la panchina più lunga. I ragazzi di Martelossi hanno il merito di essere rimasti in partita fino alla sirena finale, ma senza mai dare l’impressione di impensierire davvero i padroni di casa. Senza Rush, e con una rotazione ancor più ridotta all’osso, era praticamente impossibile pensare di tornare con due punti, troppe le risorse a disposizione di Lamma.

Martelossi deve rinunciare a Rush, infortunato alla caviglia dopo la distorsione rimediata nello scrimmage casalingo di metà settimana giocato con la Baltur Cento e in quintetto schiera Panni. Con l’ex Bergamo ci sono Venuto in cabina di regia, Cortese, nel suo ruolo naturale di ala piccola, Hall e Fantoni sotto i tabelloni. Lamma, head coach degli Stings, sceglie Vencato, Brownridge, Timperi, Candussi, Jones. E con due lunghi USA del calibro di Hall e Jones tutti si aspettano faville dai due, tra i migliori giocatori del campionato, invece sono gli italiani a recitare il ruolo da protagonisti nel primo tempo: Cortese (14 punti, 4/7 da due e 2/3 da tre all’intervallo) e Vencato (12). Mantova parte forte e dopo 3′ prova ad allungare subito (6-2, frutto delle triple di Vencato e Candussi). Ma Ferrara non incassa il colpo e reagisce: Panni e Cortese vanno a bersaglio da dietro l’arco dei 6,75. Altri quattro punti del capitano permettono al Kleb di mettere la freccia e sorpassare (10-12 a 4′ dalla fine del primo quarto). Nessuna delle due squadre riesce a prendere il controllo della gara e si va avanti punto a punto: i cinque filati di Candussi, nonostante il tecnico fischiato a Jones per flopping, fanno mettere di nuovo la testa avanti a Mantova (15-13). Ma la tripla di Venuto (di tabella) e l’appoggio di Fantoni ribaltano il parziale (15-18 dopo 8′). Lamma chiama time-out per calmare le acque. Ma serve a poco perché Cortese è caldissimo e realizza altri cinque punti. Poi il canestro di Moraschini e il viaggio in lunetta di Jones (2/2) chiudono il parziale.
Nei secondi dieci minuti i ritmi si abbassano e la cosa dovrebbe favorire la Bondi, ma sono i padroni di casa alla lunga a far vedere le cose migliori, anche perché Fantoni commette troppo presto il suo terzo fallo personale e Hall continua a litigare con il ferro. In attacco gli ospiti non riescono proprio a trovare il bandolo della matassa. Comunque a 6’30” dall’intervallo regna ancora la parità (31-31), poi Moraschini (a bersaglio da dietro l’arco dei 6,75), Timpieri, Cucci (2/2 dalla lunetta) e Jones in contropiede firmano il primo strappo della gara: Mantova con due possessi di vantaggio (39-34). Hall prova a mettersi in partita con forza ma segna solo dalla linea del tiro libero (1/2). La Dinamica Generale va sul velluto in attacco: altra tripla di Vencato (42-35 a 34″ dall’intervallo). Molinaro (2/2) e Hall (tap-in) provano a limare il gap.

E i cattivi presagi visti in chiusura di primo tempo vengono confermati in toto nel terzo quarto: Martelossi prova a giocarsi la carta Moreno in quintetto, ma i suoi ragazzi continuano a fare molta fatica in attacco. In generale si segna poco, però la Bondi non fa proprio mai canestro al rientro dagli spogliatoi. Mantova può contare anche su Brownridge (5 punti), che con Moraschini mantiene il Kleb a distanza di sicurezza. La tripla di Cortese a fil di sirena lascia ancora un lumicino di speranza (56-49). Lumicino che Gergati vuole spegnere al più presto, segnando 8 punti (due bombe e un appoggio dopo un bel taglio nel cuore dell’area estense) in un amen. Ma Ferrara è dura a morire: prima Molinaro e Hall trovano la via del canestro e consentono al Kleb di rimanere in scia a Mantova, poi Moreno (7 punti) e Venuto (a bersaglio a dietro l’arco dei 6,75) lo trascinano fino ad un solo possesso di distanza (64-61 a metà quarto quarto). La rimonta però non si completa perché Candussi e Cucci ricacciano indietro Ferrara (68-61 a 4’16”), che non può più nulla dopo il quinto di Fantoni e l’antisportivo fischiato a Hall. La Dinamica controlla con calma gli ultimi minuti di partita andando in area cercando i falli per andare in lunetta con regolarità. Le due triple di Cortese sono stata solo un’illusione nel finale. Il Kleb incassa la terza sconfitta consecutiva, la striscia inizia ad allungarsi pericolosamente e sabato a Ferrara è attesa una Manetti Ravenna che viaggia con un record di 3-1.

Dinamica Mantova – Bondi Ferrara  75-70
Parziali: 20-23, 42-39, 56-49

DINAMICA MANTOVA: Albertini n.e.,  Jones 10, Moraschini 12, Candussi 19, Cucci 6, Vencato 12, Timpieri 2, Gergati 9, Brownridge 5, Ferrara n.e., Costanzelli n.e.. All.: Lamma.

BONDI FERRARA: Patroncini n.e., Hall 11, Fantoni 7, Carella n.e., Molinaro 6, Cortese 23, Venuto 8, Panni 8, Moreno 7, Mancini n.e.. All.: Martelossi.



Leaderboard Derby 2019