Com’era facile da prevedere, nella settimana di SPAL-Fiorentina sono fioccate le interviste a Leonardo Semplici, fiorentino di nascita e da sempre tifoso della Viola. La più interessante è senz’altro quella di G.B. Olivero pubblicata da La Gazzetta dello Sport nell’edizione di venerdì 17 novembre, nella quale il mister racconta il suo mondo, offrendo anche un paio di spunti sull’inizio del campionato.

“Sarà bello incontrarla da avversario – ha detto Semplici della Fiorentina – ma l’emozione più forte la proverò al ritorno, al Franchi”. Poi un passaggio significativo sui recenti miglioramenti di rendimento della SPAL: “Cerchiamo di essere più concreti. La partenza lenta è colpa mia: ho cercato di riproporre lo stesso gioco della serie B, partendo da dietro. Non abbiamo mai demeritato, ma abbiamo perso spesso. Allora ho cambiato qualcosa e se dobbiamo buttare la palla in tribuna lo facciamo. E se serve cambiamo modulo durante la stessa partita”.

Il mister si è concesso anche una battuta su Borriello (“Presto verrà il suo momento”) e sul rapporto con i giocatori: “Cerco di essere un fratello maggiore. Devo essere credibile e diretto, non indoro la pillola, però li proteggo. E nei modi giusti accetto il dialogo e il confronto. In ritiro cambio le composizioni delle camere: se percepisco che c’è qualche antipatia tra i calciatori li mando a dormire nella stessa stanza, la conoscenza reciproca è importante”.



Leaderboard Derby 2019