Tre vittorie consecutive: è questo il bottino di tutto rispetto con cui il Kleb si presenta alla super sfida con la capolista Trieste, ancora imbattuta dopo otto partite giocate (i giuliani non sono scesi in campo nell’ultimo turno contro Roseto per via della convocazione nelle rispettive nazionali di alcuni dei loro tesserati). Martelossi cerca il colpaccio, non del tutto impensabile visto il rendimento recente della sua squadra, spedita in campo con l’ormai collaudato roster dell’era post-infortunio di Rush: Venuto in regia con Moreno a coprirgli le spalle in posizione di guardia. Cortese è l’ala piccola, con Hall e Fantoni a riempire l’area. Dalmasson risponde con i suoi big, Fernandez, Green, Baldasso, Janelidze e Da Ros. Polveri bagnate in casa estense, l’inizio è complicato, con Trieste che trova punti da Janelidze, Green e Baldasso, mentre per Ferrara è un libero di Fantoni a cancellare lo 0 dal tabellone luminoso. Anche Fernandez si sblocca da 3, scavando il primo divario a favore dei giuliani, +8 sull’1-9. Così è Cortese, sul tentativo di allungo firmato Baldasso, a rimettere in carreggiata i suoi, spinti addirittura a -3 da una tripla tanto folle quanto splendida di Hall. Green rimette le cose in chiaro, ma Hall è una furia e da lontano segna a ripetizione. Campo anche per Rush, sesto uomo di lusso, così come per Bowers (ex di turno) dall’altra parte, ma è Molinaro a prendersi la scena con una schiacciata da brividi che vale il -3. E Moreno? L’italo-cubano non potrebbe trovare momento migliore per sbloccarsi, e con una giocata spettacolare accolta dal boato del pubblico firma addirittura il sorpasso 20-19 al primo intervallo.

Il secondo quarto si apre nel segno di Panni, che con due bombe entra in ritmo e scalda ulteriormente l’ambiente. Trieste tiene il passo ma solo grazie ad una palla persa da Molinaro, così ci pensa Rush a schiacciare per il 28-25. Sale il ritmo, Hall è in partita, Panni ancora di più e lo conferma con un assist stile quarterback per Fantoni, ma Loschi è glaciale da 3 punti e riporta le due squadre ad un possesso di distanza. Ancora Fantoni è glaciale dalla lunetta, 2/2, ma l’equilibrio non si rompe e all’intervallo il Kleb conduce di 4 lunghezze 40-36 grazie ad una prestazione solida soprattutto a rimbalzo difensivo.

Nella ripresa il copione sembra non cambiare, con Cortese e Da Ros che segnano da oltre l’arco, ma l’iniziativa triestina è più efficace e in un batter d’occhio la squadra di Dalmasson si trova in vantaggio 45-50 con Baldasso decisivo ancora dai 6,75. Fantoni segna nel pitturato, Prandin risponde, Hall giganteggia ancora da 3 per il 52-54 ma Green chiude in schiacciata il suo coast to coast che tiene a bada la reazione del Kleb, ulteriormente azzoppata da un doppia tripla mortifera di mortifero, la seconda addirittura di tabella (54-62), e se il terzo quarto non finisce così è solo grazie a due liberi di Molinaro.

Così diventa fondamentale l’ultimo periodo, di solito dominato da Cortese, ma a rubargli la scena è ancora Cavaliero, letale nella metà campo difensiva del Kleb, spinto comunque sul -6 da due liberi del suo capitano Cortese e da un fantastico step back di Hall che vale il 62-66. Ma c’è poco da fare, Cavaliero è un cecchino e da 3 riporta i suoi a +7 proprio appena prima dell’ingresso di Green, che in coppia con Cittadini scava il massimo vantaggio sul 62-73 a 4′ dalla fine. L’ossigeno in casa Ferrara arriva da una tripla di Moreno, ma è in difesa che il Kleb fatica. Cittadini appoggia al ferro in totale solitudine, Venuto sbaglia dall’angolo e si prende in faccia l’ennesima inchiodata al ferro di un Green straripante sul piano atletico. E’ forse il segnale della resa, che si materializza nell’airball di Hall a 44” dalla sirena finale, con Da Ros che si gira verso lo spicchio dei suoi tifosi e alza al cielo nove dita, nove come le vittorie di Trieste, che mantiene immacolato il suo cammino e costringe il Kleb ad una sconfitta doloroso ma che servirà per fare.

KLEB BASKET FERARRA – ALMA TRIESTE 74-81

Kleb Basket Ferrara: Venuto, Moreno 8, Cortese 17, Hall 21, Fantoni 12; Mancini, Rush 4, Drigo, Carella, Molinaro 6, Panni 6. All.: Martelossi.

Alma Trieste: Fernandez 9, Green 21, Baldasso 8, Janelidze 4, Da Ros 7; Cavaliero 11, Bowers 4, Cittadini 6, Prandin 6,  Loschi 5. All.: Dalmasson.

Arbitri: Pazzaglia, Caruso, Tallon
Parziali: 20-19; 40-36; 56-62;



Leaderboard Derby 2019