Il weekend è alle porte e per la 4 Torri è tempo di riprendere il campionato. Dopo la consueta pausa i granata dovranno affrontare la quattordicesima giornata ospitando Fano, che lo scorso ottobre concesse un solo punto all’esordio del girone di andata. Abbiamo fatto il punto della situazione sulla condizione dei ferraresi e sugli avversari assieme a Marco Martinelli.

In queste due settimane la 4 Torri ha dovuto fare i conti con quanto accaduto nella prima metà del campionato, analizzando gli errori commessi a partire dall’ultima pesante sconfitta contro Forlì. Le parole di Martinelli, a riguardo, ricalcano quanto già dichiarato la scorsa settimana: “Abbiamo parlato con i ragazzi e abbiamo preso atto del fatto che dopo la sconfitta contro Forlì il nostro cammino risulta abbastanza compromesso. Adesso dovremo pensare partita per partita facendo meno errori possibile, perché a meno che le squadre di testa non subiscano un tracollo, il divario è troppo grande per recuperare. I ragazzi si dovranno focalizzare sui loro obiettivi personali: so che valgono più di quanto abbiano mostrato, perciò starà a loro dimostrarlo”. L’ulteriore richiesta del tecnico granata è poi quella di trovare la vittoria contro le squadre che nel cammino di andata hanno fatto inciampare la Krifi. “Dovremo cercare di toglierci qualche soddisfazione contro le squadre contro cui abbiamo perso, proprio a partire da Fano. Ad ottobre abbiamo sbagliato, avevamo le possibilità per vincere la partita ed invece abbiamo lasciato che gli avversari rimontassero. Vincendo sono stati i primi a toglierci le certezze che avevamo acquisito in precedenza”.

Durante il primo turno la sconfitta contro Fano è stata il risultato della sofferenza sul cambio palla e della perdita di lucidità nei momenti più difficili. Anche la ricezione ha dato problemi: la rosa estense dovrà sopperire a tutte queste mancanze, se vorrà sperare di centrare il risultato. “Conosciamo un po’ meglio gli avversari, ma questo non vuol dire che sarà più facile vincere. Il loro opposto è molto servito sarà da tenere d’occhio per primo, ma non dovremo tralasciare nemmeno gli schiacciatori ed i centrali. Nel complesso Fano è una squadra coesa, che tende a non morire mai e combatte su ogni palla. Noi dovremo cercare di essere pronti alla battaglia e dovremo aggredire la partita”.



Leaderboard Derby 2019