Il primo a presentarsi davanti ai microfoni della stampa nell’immediato post partita è patron Simone Colombarini, visibilmente soddisfatto per il modo in cui la SPAL ha centrato la quinta vittoria del suo campionato, la seconda consecutiva, ed ora la corsa salvezza assume colori totalmente differenti rispetto a qualche settimana fa.
E’ cambiato tutto in queste ultime partite. Anche col Napoli abbiamo disputato una bella gara, nonostante il risultato negativo. E’ venuta fuori la voglia e la grinta del gruppo. Siamo una squadra che gioca e che lotta su ogni pallone e questi tre punti, insieme a quelli di domenica scorsa, ci fanno fare quel balzo in classifica che ci deve far capire che giocando in questo modo è possibile fare punti e salvarsi. Abbiamo fatto un grandissimo primo tempo e abbiamo messo sotto il Bologna anche quando loro erano in undici. Dopo l’espulsione di Gonzalez abbiamo tirato diverse volte in porta, ma purtroppo non siamo riusciti a fare gol. Nel secondo tempo siamo scesi in campo con determinazione e la rete nei primi minuti ci ha permesso di gestire il risultato. Anche con l’uomo in più non è stato facile, abbiamo speso tanto nel primo tempo. Se alla fine il Bologna avesse pareggiato sarebbe stata una grande beffa. Meret stesso non è stato quasi mai chiamato in causa“.
Merito del risultato è anche dei rinforzi di gennaio: “Il mercato invernale si fa per migliorare la rosa. Ci vuole un po’ di tempo prima che i giocatori nuovi si inseriscano in certi meccanismi. Cionek ha fatto bene sin da subito, Kurtic magari inizialmente non ha giocato benissimo, ma la sua esperienza sarà importante da qui alla fine del campionato. Oggi abbiamo visto in azione anche Everton Luiz ed è chiaro che, quando c’è bisogno di grinta a centrocampo, lui può essere l’uomo giusto. A ogni modo abbiamo una rosa ampia, sono importanti tutti i giocatori, anche quelli che sono stati impiegati meno ed è fondamentale che siano tutti uniti. Questo è un gruppo che sta dando veramente tanto e i risultati positivi adesso daranno anche una spinta in più“.
Ottima la partita di Lazzari, vincitore del confronto con il suo ex compagno della Giacomense Masina: “Manuel anche quest’anno è cresciuto tanto. Ha fatto un ottimo primo tempo ed è un peccato che abbia sciupato quella chiara occasione da gol. Il fatto che comunque si sia fatto trovare pronto a calciare quella palla significa che sta seguendo le indicazioni del suo mister e sta migliorando sempre più“.
Sembra quindi che proseguire con mister Semplici stia dando i risultati sperati: “Noi abbiamo sempre avuto fiducia nel nostro allenatore. Abbiamo cercato di lavorare in queste settimane per ricompattare la squadra, perché noi crediamo che questo gruppo sia in grado di salvarsi“. Testa quindi alla prossima settimana, quando a Sassuolo verranno messi in palio altri tre punti pesanti: “Giocando così possiamo mettere in difficoltà e fare risultato. Giocheremo come abbiamo giocato finora e sono convinto che qualcosa di buono faremo ancora“. Infine, alcune parole sulla tifoseria spallina: “Sono stati fantastici. Hanno incitato i ragazzi dall’inizio alla fine e la coreografia è stata veramente bella. Ho apprezzato anche il coro finale (“Salutate la Giacomense”, ndr) perché ha risposto con ironia a tante polemiche che sono state fatte in questi anni sulla provincialità del nostro club“.


leaderboard Coop Reno