La serie positiva della SPAL si allunga ulteriormente grazie al prezioso pareggio imposto a domicilio alla Fiorentina. Con i viola reduci da sei vittorie consecutive la squadra di Semplici ha dimostrato di essere solida anche a fronte di assenze pesantissime, portando a casa un altro punto che permette di riportarsi davanti al Crotone. I biancazzurri hanno dimostrato di saper soffrire e con un pizzico di fortuna, va riconosciuto, si mettono nella condizione di preparare al meglio il delicato scontro salvezza con il Chievo nel turno infrasettimanale.

Gli infortuni di Schiattarella, Grassi e Kurtic costringono Semplici a schierare al Franchi una formazione particolarmente rimaneggiata. In avvio di gara i biancazzurri manifestano la consapevolezza delle difficoltà di organico, soffrendo le ripartenze della Fiorentina che va vicinissima al gol al 7’ con Saponara: Meret reagisce d’istinto alzando sopra la traversa con una mano un violenta conclusione del trequartista viola. Tre minuti più tardi gli ospiti si affacciano in area avversaria e su contatto Felipe-Vitor Hugo Orsato fischia la massima punizione. A chiarire la situazione contribuisce il VAR che annulla (questa volta giustamente) la decisione dell’arbitro assegnando la punizione per i viola. Il numero 27 della SPAL infatti viene ritenuto colpevole di un fallo precedente al contatto con l’avversario. I biancazzurri faticano a costruire concrete trame di gioco e con molta fatica riescono ad arginare le puntate offensive dei toscani che vanno vicini al vantaggio con due tiri dalla distanza di Saponara (27’) e Chiesa (40’) che costringono Meret al lavoro straordinario.

Nella ripresa Semplici inserisce forze fresche sostituendo Costa e Floccari per Mattiello e Paloschi: la decisione, presa anche in vista del delicato scontro salvezza con il Chievo di mercoledì, porta i suoi frutti. La SPAL passa al 442 e si fa vedere dalle parti di Sportiello in un paio di occasioni con Antenucci e Vitale, ma la difesa di casa fa buona guardia e sventa la minaccia in entrambe le circostanze. Nonostante la buona volontà dei biancazzurri ad andare ancora una volta più vicini al gol del vantaggio è la Fiorentina prima con Pezzella (64’) che di testa spedisce la sfera di pochissimo sopra la traversa, poi con Veretout (70’) che angola troppo la rasoiata da buona posizione. La SPAL prova ad approfittare degli spazi che i viola lasciano inevitabilmente nel momento in cui spingono per cercare il gol della vittoria e vanno vicinissimi al colpaccio esterno con Vitale e Antenucci, poco fortunati nella circostanza a trovare l’imbucata vincente. Con il passare dei minuti saltano un po’ tutti gli schemi ed entrambe le formazioni si espongono a pericolosi contropiedi che in un modo o nell’altro vengono sempre neutralizzati dalle difese avversarie. Al 90’ un’altra incredibile nitida occasione per i padroni di casa: Benassi riceve dalle retrovie, scarta come birilli i difensori spallini e da posizione centrale ravvicinata calcia a lato dalla porta difesa da Meret facendo tirare un enorme sospiro di sollievo ai duemila ferraresi presenti al Franchi. Il finale è davvero al cardiopalmo ma dopo tre infiniti minuti di recupero Orsato manda tutti sotto la doccia: la SPAL torna a casa con il settimo risultato utile consecutivo e soprattutto si porta a +1 sulla zona retrocessione.

FIORENTINA-SPAL 0-0

FIORENTINA (3-5-1-1): Sportiello; Milenkovic, Pezzella, Vitor Hugo; Chiesa, Benassi, Dabo, Veretout, Biraghi; Saponara (dal 20’ st Eysseric); Simeone (dal 20’ st Falcinelli). A disp.: Dragowki, Cerofolini, Gil Dias, Bruno Gaspar, Hristov, Olivera, Cristoforo. All.: Pioli.
SPAL (3-5-2): Meret; Cionek, Vicari, Felipe; Lazzari, Everton Luiz, Viviani, Vitale, Costa (dal 1’ st Mattiello, dal 26’ st Schiavon); Floccari (dal 11’ st Paloschi), Antenucci. A disp.: Gomis, Marchegiani, Vaisanen, Konate, Salamon, Bonazzoli, Esposito. All. Semplici.

ARBITRO: Orsato di Schio. (Assistenti: Di Vuoto e Gori. IV: Nasca. VAR: Pasqua e Passeri).
AMMONITI: Saponara (F), Everton Luiz (S), Vitale (S), Victor Hugo (F).
NOTE: terreno in ottime condizioni, calci d’angolo 6-2 per la Fiorentina.



Leaderboard Derby 2019