Le parole a caldo dei biancazzurri sul palco della festa post-partita al Paolo Mazza

Dopo il fischio finale di SPAL-Sampdoria è andata in scena la festa all’interno del Paolo Mazza. Tutti i giocatori – e non solo – hanno sfilato su un tappeto blu per salire su un palco appositamente allestito a centrocampo. Da lì ciascuno ha potuto raccontare il proprio stato d’animo.

Gomis: “Spero che mi seguirete al mondiale, ma la cosa più importante è che la SPAL sia in ancora in serie A. Forza SPAL!”.
Marchegiani: “E il giorno più bello della mia vita”.
Meret: “Dico solo che è un’emozione enorme, sono felicissimo per tutti e per la città”.
Poluzzi: “Voglio ringraziare la squadra e i tifosi. E’ stata un’annata storica”.
Cionek: “Grazie a voi, sono contento che Ferrara sia rimasta dove merita. E tifate Polonia e non Senegal ai mondiali!”.
Felipe: “Che emozione, è una salvezza meritata e sudata, ringrazio anche quelli che sono andati via a gennaio, la salvezza è anche loro”.
Salamon: “Fantastico festeggiare la salvezza con voi. Ho trovato un ambiente splendido e positivo, la salvezza è tutta vostra”.
Simic: “Ringrazio i compagni e i tifosi… forza SPAL!”.
Vaisanen: “Grazie per quest’anno, è stata una grande esperienza. Grazie a tutti”.
Vicari: “Ci tengo a ringraziare il pubblico, fantastico, sempre con noi. Poi ringrazio la squadra, fatta di grandi uomini e grandi giocatori”.
Costa: “Ringrazio i tifosi che non ci hanno mai lasciati da soli. Festeggiamo, sfondiamoci tutti insieme e forza SPAL!”.
Dramé: “Sono contento di essere qua, anche se non ho giocato tanto. Abbiamo fatto una seconda parte di stagione alla grande. Forza SPAL!”.
Everton: “Grazie a tutti e forza SPAL!”.
Grassi: “Vamos vamos SPAL!”.
Kurtic: “Se qualcuno si merita questa salvezza siamo noi, voi, tutti insieme. Forza SPAL!”.
Lazzari: “Sono felicissimo perché questa salvezza ce la meritiamo tutti. Sono veramente felice”.
Mattiello: “Bisogna festeggiare perché abbiamo fatto qualcosa di straordinario”.
Schiattarella: “Ci siamo promessi di mantenere la categoria e ci siamo riusciti. Giocheremo ancora in A. Forza SPAL!”.
Schiavon: “Sono stati tre anni importanti in cui abbiamo raggiunto tutti i nostri obiettivi. Grazie curva ovest, grazie
a tutti i tifosi. Grazie ai compagni, grazie ancora a tutti”.
Vitale: “Volevo ringraziare tutti per il sostegno e forza SPAL!”.
Viviani: “Ringrazio tutti perché non si poteva chiudere in modo migliore. Questo risultato è solo merito vostro, risultato fantastico in un annata fantastica”.
Bonazzoli: “Festeggiamo! Ringrazio tutti i compagni. Forza SPAL!”.
Floccari: “Ci si prospettava un’annata difficile, lo sapevamo, ma ci siamo meritati di restare nel paradiso del calcio!”.
Paloschi: “Che dire… godiamoci questa salvezza meritata. Pubblico spettacolare!”.
Antenucci: “Buonasera a tutti… c’è da dire che tra qualche mese ci troveremo ancora qua, con lo stadio ancora più bello. Siamo stati grandi, ringrazio tutti, un gruppo straordinario che ha lottato sempre. Ringrazio la società, lo staff tecnico, i medici, magazzinieri, Andreini, tutti troppo importanti per noi. Poi ringrazio voi, la ovest, lo stadio. Ci rivediamo fra qualche mese… forza SPAL!”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0