Finisce a Firenze la corsa in Coppa della Primavera della SPAL, con i ragazzi di Cottafava che cedono 3-1 al cospetto dei vice-campioni d’Italia solo dopo aver dato battaglia per novanta minuti. I biancazzurri hanno giocato alla pari di un avversario che occupa la terza piazza nel campionato di Primavera 1, con 8 vittorie in 12 match giocati, dimostrando ancora una volta di meritare di potersela giocare anche con avversari militanti nella categoria superiore.
Cottafava non può contare su Coulange e decide di sistemare Farcas sulla corsia di destra. A centrocampo Sare conquista una maglia da titolare a discapito di Uzela mentre Cuellar viene stranamente fatto accomodare in panchina per far giocare Katuma (almeno fino all’intervallo). In porta Fallani vince l’usuale ballottaggio con Seri e può così sfidare la sua ex-squadra. Nel primo tempo la SPAL parte bene, con Nikolic che si crea subito una buona occasione, seguita da un tiro di poco fuori di Esposito e da un colpo di testa alto di Katuma. Col passare dei minuti però inizia pian piano a prendere campo la Fiorentina. Dopo un paio di occasioni mancate da Sottil da zona pericolosa, al 24’ arriva il gol del vantaggio viola di Koffi, che sfrutta una sanguinosa palla persa al limite dell’area dai biancazzurri per battere dalla sinistra Fallani con un diagonale preciso e letale. Al 38’ arriva poi il raddoppio dei toscani, questa volta firmato da uno scatenato Sottil. L’attaccante, che vanta già due presenze in Serie A, si inserisce in area di gran mestiere dopo una sponda di tacco di Longo e con freddezza infila Fallani sotto le gambe. Anche stavolta la difesa biancazzurra non è totalmente esente da colpe, avendo nuovamente perso in maniera approssimativa il pallone. Nel finale la SPAL ha l’occasione di rientrare in partita con una punizione dal limite, ma il tiro di Esposito colpisce in pieno la traversa.
Ma il gol del 2-1 è solo rimandato, infatti il secondo tempo si apre con un’incornata su calcio d’angolo condivisa da Pessot e Lakti che inforcano il portiere gigliato. Per l’arbitro si tratta di autogol ma ciò ridà comunque grande slancio alla SPAL, che sfiora subito il pareggio con un missile dalla distanza di Esposito, nuovamente fuori di poco.
La partita si apre. Sul fronte viola si rendono pericolosi prima Sottil e poi il neoentrato Nannelli, che trova i guanti di Fallani, mentre per gli estensi a creare scompiglio è soprattutto Esposito, sempre sicuro nel calciare dalla distanza. Nei minuti finali la SPAL è costretta a sbilanciarsi e la Fiorentina sfrutta la sua tecnica per siglare il definitivo 3-1 con la doppietta in contropiede di Koffi, un’altra volta abile nello sfondare da sinistra e incrociare sul secondo palo.
A fine partita il direttore sportivo Andrea Grammatica commenta così la partita: “Partita equilibrata, il risultato non racconta la verità. Siamo partiti molto bene, costruendo diverse occasioni, e anche nella ripresa abbiamo giocato alla pari. Abbiamo pagato due errori grossolani in difesa, che ci sono costati due gol. Loro sono, insieme a Roma e Atalanta, una delle squadre più forti d’Italia. In campo oggi sono scesi giocatori che fanno parte della prima squadra, a dimostrazione che ci tenessero molto, e questo è un attestato di stima importate per la SPAL. Con un pizzico fortuna avremmo ottenuto un meritato pareggio. Peccato i due errori individuali costati i primi due gol, ma complimenti comunque ai ragazzi perché non era facile venire qua a Firenze a imporre il nostro gioco in diversi tratti di gara. Ci dispiace perché volevamo regalare una grande impresa alla società ed a Coulange. Chiudiamo il 2018 con un bilancio positivo. Ora ci prepareremo per la ripresa del campionato”.
Fiorentina – SPAL 3-1 (p.t. 2-0)
Fiorentina (4-3-3): Ghidotti; Ferrarini, Gillekens, Antzoulas, N.Pierozzi; Beloko, Lakti, Hanuljak (dal 40’ s.t. Toure); Koffi (dal 23’ s.t. Nannelli), Longo (dal 23’ s.t. Bocchio), Sottil. A disp: Chiorra, E.Pierozzi, Simonti, Fiorini, Servillo, Maganjic, Montiel, Simic, Meli. All. Bigica.
SPAL (4-3-3): Fallani; Pessot, Salvi, Farcas, Martina; Nikolic (dal 15’ s.t. Uzela), Esposito, Sare (dal 40’ s.t. Tunjov); Spina (dal 40’ s.t. Minaj), Chakir (dal 23’ s.t. Clement), Katuma (dal 1’ s.t. Cuellar). A disp: Seri, Cannistrà, Valesani, Biolcati, Alessio, Mazzoni, Campi. All. Cottafava.
Arbitro: Sig. Kumara di Verona (ass.ti Sartori e Moro).
RETI: 24’ p.t. Koffi (F), 38’ p.t. Sottil (F), 3’ s.t. aut. Latki (F), 38’ s.t. Koffi (F).
Ammoniti: Martina (S), Koffi (F), Ferrarini (F), Ghidotti (F), Beloko (F).
Recuperi: 1’ p.t., 4’ s.t.



leaderboard Coop Reno