Finisce 2-1 il terzo atto tra SPAL e Salernitana, dopo l’andata vinta 3-0 dai campani e il 2-0 di risposta degli estensi alla Viareggio Cup. Dopo essere finita in svantaggio nei minuti finali della prima frazione, la squadra di Cottafava ha ribaltato il risultato con un secondo tempo di grande carattere, contraddistinto da tante occasioni da gol, grazie soprattutto ad uno scatenato Martina. Una vittoria che consolida il secondo posto in chiave playoff, dietro ad un Bologna ormai irraggiungibile (+5) che festeggia il ritorno in Primavera 1 dopo un anno di purgatorio.

Nel primo tempo la SPAL gioca una partita più propositiva, mentre la Salernitana resta chiusa e concentrata nel lasciare meno spazi possibili, provando a pungere in contropiede quando possibile. Tentano di sbloccarla prima Rizzo Pinna, che costringe Russo ad una parata in volo con una potente conclusione da fuori, e poi Nikolic, che non trova sorte migliore del compagno. L’occasione più ghiotta però è un al ventesimo quando Martina brucia la fascia sinistra portandosi dietro tre uomini. Il suo cross sul primo palo trova la testa di Babbi –insieme alle mani di Russo- e la palla va a sbattere sulla traversa. Nel finale Farcas su calcio d’angolo sfiora il palo con un colpo di testa, ma sugli sviluppi dell’azione è la Salernitana a portarsi in vantaggio, con il primo tiro della partita. In un momento di confusione Bartolotta lascia partire un tiro d’esterno dal limite dell’area, insaccando il pallone sotto la traversa.

Nel secondo tempo, dopo un primo quarto d’ora senza occasioni degne di nota, Rizzo Pinna imbecca Cuellar con un passaggio filtrante in verticale dalla trequarti. L’attaccante supera con uno scatto la linea dei difensori e, entrato in area, scarica un tiro violento sul primo palo, siglando la rete del pareggio. Da qui in poi la SPAL si butta in avanti a pieno organico, provando in tutti i modi a prendersi i tre punti. Alla mezz’ora Martina mette dalla sinistra un tiro-cross rasoterra al veleno, che però non trova la deviazione di nessuno mentre taglia l’area piccola. Poco dopo ci prova Chakir, con una conclusione dalla destra parata da Russo e nuovamente Martina, che colpisce il palo con un diagonale da sinistra. Sforzi che vengono però premiati a cinque minuti dal termine grazie a Farcas, che su calcio d’angolo di Nikolic schiaccia di testa il pallone, facendolo rimbalzare alle spalle del portiere. Per esultare però bisogna aspettare l’ultimo secondo, con la Salernitana che sfiora il pari con un tiro di Di Battista, prontamente neutralizzato da Fallani.

A fine partita mister Cottafava non si risparmia qualche critica ai suoi ragazzi, dovuta al poco cinismo sotto porta: “Ce la siamo un po’ complicata da soli. Abbiamo avuto tante occasioni per andare in vantaggio e, come spesso accade, alla prima azione pericolosa concessa abbiamo preso gol. Ma le occasioni sprecate oggi, sommate a quelle di Brescia la settimana scorsa, iniziano a pesare, perché dobbiamo capire che non sempre si può o si riesce a rimontare. Su questo bisogna lavorare. La reazione però c’è stata, e questo è importante.  Spina (uscito per infortunio sabato scorso contro i lombardi, ndr)? Non è ancora pronto per giocare. Bologna? Abbiamo dato un senso al pomeriggio. Se non avessimo vinto loro sarebbero stati campioni senza nemmeno giocare. Noi abbiamo fatto il nostro. Playoff? È ancora tutto in gioco, anche per quanto riguarda gli accoppiamenti. Presto dunque per pensarci”.

SPAL – Salernitana 2-1 (p.t. 0-1)

SPAL (3-4-3): Fallani; Milani, Salvi, Farcas; Ielo (dal 13’ s.t. Minaj), Rizzo Pinna (dal 37’ s.t. Tunjov), Nikolic, Martina; Gibilterra (dal 21’ s.t. Alessio), Babbi (dal 21’ s.t. Chakir), Cuellar. A disp: Seri, Pessot, Cannistrà, Valesani, Sare, Mazzoni, Samotti, Campi. All. Cottafava.

Salernitana (4-3-1-2): Russo; Novella, De Foglio, Fucci, Granata; Sette (dal 31’ s.t. Del Regno), Marino, Iurato (dal 43’ s.t. Rossi); Di Battista; Iannone (dal 31’ s.t. Gambardella), Bartolotta (dal 21’ s.t. De Sarlo). A disp: Scognamiglio, Galeotafiore, Volpe, Tozzi. All. Beni.

Arbitro: Sig. Rossetti di Ancona (ass.ti Vitale e Ricciardi).
Marcatori: 40’ p.t. Bartolotta (Sa), 16’ s.t. Cuellar (Sp), 40’ s.t. Farcas (Sp).
Ammoniti: nessuno.
Recuperi: 0’ p.t., 4’ s.t.



Leaderboard Derby 2019