Ultima conferenza stampa prepartita della stagione per mister Leonardo Semplici, che nella sala stampa del centro sportivo G.B. Fabbri di Via Copparo si è intrattenuto con i cronisti, e ovviamente non si è parlato solo della prossima partita con il Milan.

MOTIVAZIONI – “Siamo salvi da un paio di settimane, ma la voglia di fare risultato non ci manca di certo. Una vittoria ci permetterebbe di arrivare in una posizione di classifica impensabile ad inizio campionato. E quando sei chiamato a giocare una partita contro una squadra blasonata come il Milan gli stimoli vengono da sé. Loro sono forti e sono ancora in lotta per un traguardo importante, non sarà per nulla facile. Ma la squadra vuole festeggiare con la propria tifoseria per salutarla al meglio, sono sicuro che non sbaglierà l’approccio alla gara e scenderà in campo con la giusta mentalità”.

FORMAZIONE – “In linea di massima riproporrò quella di Udine. E chi entrerà a partita in corso sono convinto che si farà trovare pronto. Jankovic può anche iniziare dal primo minuto. Può ricoprire più ruoli: è in grado di giocare sia seconda punta che come esterno d’attacco”.

SALVEZZA – “Credetemi: è una bellissima sensazione vedere altre squadre che sono ancora lì che lottano per non retrocedere. Chi scende? Oddio, non sono un indovino, ma presumo che sia un affare che riguardi principalmente Genoa ed Empoli. A proposito di salvezza, fatemi ringraziare tutti, dallo staff alla società, passando dai tifosi, il nostro asso nella manica. Domenica spero che tutti al Paolo Mazza vestano qualcosa di biancazzurro perché dobbiamo festeggiare tutti insieme un risultato incredibile”.

MILAN – “L’anno scorso la partita in casa con il Milan è coincisa con il momento più buio della mia gestione. Ma ricordo anche che l’applauso sotto la curva ci rincuorò parecchio. L’unità di intenti non è mai stata persa. Da lì la SPAL è risorta. Nella gara d’andata di questa stagione il Milan ci ha messo in grande difficoltà, soprattutto nel primo tempo. Ma ci sta, perché non dobbiamo dimenticarci che è una grande squadra, ricca di talento. Dal canto nostro dovremo fare una partita di grande intensità in fase di non possesso, per limitare le loro qualità individuali e corali. La SPAL deve dimostrare cattiveria agonistica”.

FUTURO – “Mi incontrerò con la società martedì. Adesso non dico nulla, se non che la vicinanza della gente mi fa stra piacere”.

MONCINI – “Aveva bisogno di giocare titolare con continuità. A Cittadella ha fatto non bene, di più. La SPAL investirà su di lui perché ha dimostrato grandi qualità”.

BONIFAZI E MURGIA – “Non mi stupisce la loro convocazione in Under 21, anzi, me l’aspettavo. Sono davvero molto contento per loro. Kevin lo conoscevamo bene, Alessandro meno, però quando è arrivato a gennaio si è calato subito nella parte e ha giocato delle grandi partite. Entrambi hanno delle prospettive importanti davanti a loro, sicuro, ma non so fino a che punto”.

ESPOSITO – “Sta facendo un buon lavoro. Lo valuteremo in ritiro, a bocce ferme. Il suo exploit è la dimostrazione che le giovanili della SPAL stanno facendo bene ed è un buonissimo segno per il futuro. Bravi gli allenatori. Però adesso non mettete troppa carne al fuoco, ci vuole tempo. Bisogna dare atto alla società che sta lavorando alla grande”.



Leaderboard Derby 2019