La SPAL non riesce nell’impresa di fermare la capolista del campionato ed esce sconfitta di misura (ed onorevolmente) dal Paolo Mazza. Gli uomini di mister Di Biagio, pur mettendo in campo una buona organizzazione ed un atteggiamento propositivo, hanno pagato dazio su giocate di altissima qualità da parte dei bianconeri. Berisha ha tenuto in partita la SPAL nel momento critico della ripresa, quando Petagna ha trasformato un rigore (assegnato dopo revisione VAR) per un contatto tra Missiroli e Rugani. Gli assalti finali non hanno prodotto il miracolo, con la squadra di Sarri a festeggiare i tre punti. Prossima fermata: domenica prossima, alle 15, a Parma.

SPAL-Juventus 1-2 (p.t. 0-1)

SPAL (4-3-3): Berisha; Cionek, Zukanovic, Bonifazi, Reca; Missiroli (dal 34’ s.t. Tunjov), Valdifiori, Castro (dal 15’ s.t. Fares); Valoti (dal 44’ s.t. Di Francesco), Petagna, Strefezza. A disposizione: Thiam, Letica, Floccari, Murgia, Dabo, Vicari, Sala, Felipe, Tomovic. All.: Di Biagio.

Juventus (4-3-1-2): Szczesny; Danilo, Rugani, Chiellini (dal 9’ s.t. De Ligt), Alex Sandro; Ramsey (dal 28’ s.t. Rabiot), Bentancur, Matuidi (dal 34’ s.t. Bernardeschi); Cuadrado, Dybala, Ronaldo. A disposizione: Pinsoglio, Buffon, De Sciglio, Olivieri, Coccolo, Wesley, Peeters. All.: Sarri

Arbitro: Sig. Federico La Penna della sezione di Roma 1 (Assistenti: Longo e Prenna; IV uomo: Baroni; VAR: Di Bello; AVAR: De Meo).
Reti: 39’ p.t. C. Ronaldo (J); 15’ s.t. Ramsey (J), 24’ s.t. rig. Petagna (S).
Ammoniti: Valoti (S), Zukanovic (S), Matuidi (J), Strefezza (S), Danilo (J), Cionek (S).
Recuperi: 1’ p.t. e 6’ s.t.; Calci d’angolo: 3-4.
Note: campo in ottime condizioni; 15.262 spettatori.

Azioni salienti
3’ – La SPAL parte bene e cerca di aggredire la Juve su ogni possesso. Da una palla rubata sulla sinistra nasce la prima occasione: uno-due tra Valoti e Reca, quest’ultimo serve Petagna al limite dell’area che lascia partire un buon tiro. Szczesny blocca.
5’ – Ribaltamento di fronte ed è la Juve a rendersi pericolosa. Cristiano Ronaldo viene pescato sulla sinistra alle spalle della difesa estense da un bel pallone di Ramsey e a tu-per-tu con Berisha non fallisce, con un preciso scavetto. Bandierina alta dell’assistente di La Penna, gol cancellato.
10’ – Occasione sprecata per Cuadrado che, liberissimo in area sulla destra, viene pescato benissimo da Alex Sandro ma il suo tiro finisce abbondantemente sopra la traversa.
16’ – Ci prova Castro di destro da distanza siderale, nel tentativo di sorprendere Szczesny: ottima potenza, precisione da rivedere, palla lontana dalla porta juventina.
17’ – Altro brivido per la SPAL: bella azione in velocità sulla fascia presidiata da Cionek, con Matuidi che serve in profondità Alex Sandro in sovrapposizione. Il suo cross è rasoterra e pesca Cuadrado: il colombiano mette a sedere il suo marcatore ma è troppo lento a lasciar partire il tiro e i centrali spallini neutralizzano il tiro.
22’ – La SPAL aspetta e spinge, cercando di sorprendere la Juventus in ripartenza: bello scambio sulla destra tra Cionek e Strefezza, il quale conclude forte e rasoterra da posizione defilata. Complice una buona dose di buona sorte, Szczesny blocca a terra tra le gambe.
37’ – Juve ancora pericolosa: Dybala ubriaca i centrali della SPAL e dal nulla tira fuori un sinistro che si stampa sul palo.
39’ – Gol della Juventus! Ramsey lancia in profondità Cuadrado che di prima la mette in mezzo. La palla attraversa tutta l’area e sul secondo palo trova con il solito perfetto tempismo CR7, che insacca con un semplice tap-in di destro.
41’ – Reazione immediata della SPAL con Petagna che prova dal limite a far male con un diagonale potente, ma Szczesny si distende e blocca senza patemi.

47’ – Il secondo tempo ricomincia sulla falsariga del finale del primo con un gran diagonale dalla destra di Ronaldo servito dal fondo da Danilo. Intervento provvidenziale di Berisha che devia di piede in corner.
55’ – Altro super intervento di Berisha a salvare i biancoazzurri. Matuidi sulla sinistra tiene palla e serve Alex Sandro nella sua ennesima puntuale sovrapposizione ed una volta dentro l’area lascia partire un morbido traversone. Zukanovic buca l’intervento e la palla finisce sui piedi di Cuadrado. Conclusione potente respinta dal portiere.
58’ – Stavolta è il turno di Ramsey: destro a giro dal limite dell’area che sfila alla sinistra di Berisha per questione di centimetri.
60’ – Gol della Juventus! Raddoppio che arriva proprio dai piedi di Ramsey: Dybala tiene palla e trova il corridoio giusto per servire il gallese tra i centrali spallini. Inserimento con perfetto tempismo e pallonetto delizioso che scavalca un incolpevole Berisha.
68’ – Gol della SPAL! Contatto tra Rugani e Missiroli in area juventina, azione che prosegue nonostante le proteste del diretto interesssato e di Cionek. Alla prima interruzione di gioco utile, La Penna viene richiamato al VAR ma auricolare e monitor smettono di funzionare. La verifica avviene quindi con una semplice ricetrasmittente e viene sancito il calcio di rigore per la SPAL. Dal dischetto si presenta Petagna che non sbaglia e di mancino spiazza Szczesny.
72’ – SPAL che ora prende coraggio e insiste in avanti: tentativo di cross dalla sinistra di Fares, palla ribattuta dalla difesa che finisce sui piedi di Valdifiori e conclusione di destro da fuori. Szczesny c’è e blocca.
80’ – Occasione per Ronaldo per firmare la doppietta personale, ma la sua conclusione da distanza ravvicinata su cross di Cuadrado dalla destra termina in Ovest.
86’ – CR7 ci prova in ogni maniera: stavolta su punizione dal limite dell’area, ma la traversa respinge il suo potentissimo destro. Berisha non ci sarebbe arrivato.
93’ – Fares prova la torsione di testa su corner dalla destra ma il tentativo sfila alto sopra la traversa.



Dinamica Media – leaderboard
Dimedia – leaderboard
MEIS – leaderboard
CFI – leaderboard
Elite Division – leaderboard