Un Walter Mattioli decisamente d’umore poco socievole ha preso parte alla cena di fine campionato del Coordinamento SPAL Club organizzata al bagno Malua di Lido di Spina, accettando di intervenire brevemente per un messaggio ai presenti. Ecco le parole pronunciate dal presidente.

Se non fosse stato per la presenza dei tifosi difficilmente sarei uscito di casa. Purtroppo per me è un periodo di lutto. Per come intendo io il calcio e come intendo i rapporti mi sento veramente arrabbiato e amareggiato per quello che noi e la squadra abbiamo dimostrato nelle ultime partite. Vivo la mia esperienza di presidente da sette anni in un modo molto particolare: quello che faccio lo faccio nel bene della società, ma soprattutto per dare soddisfazione ai miei tifosi. So che abbiamo dato loro tanta amarezza, mi sento male e mi sento colpevole di tutto quello che è successo. Però so che il lavoro dei prossimi giorni e delle prossime settimane mi aiuterà a passare questo periodo particolare. Stiamo lavorando per il futuro e questa è la cosa che mi interessa di più. Abbiamo voluto mettere una pietra sopra a quello che è stato, anche se ce lo ricorderemo per tanto tempo“.

Mi dispiace perché questa non era una squadra per fare queste brutte figure. Qualcuno ha scritto e ripetuto che questa era una squadra scarsa, io non ne sono convinto neanche oggi. Sono successe tante cose e non è stato un anno particolarmente fortunato, però questo non è un gruppo così scarso a livello tecnico. Nessuno di noi ha lavorato per retrocedere: chi pensa questo non mi conosce. Sappiate che qui ci sono persone che vogliono fare le cose fatte bene, sempre tenendo sotto controllo il budget. Senz’altro abbiamo commesso degli errori: potrei anche dirvi quali sono stati, ne ho un elenco, ma non voglio alimentare tensioni o ulteriori polemiche che non servono a niente“.

Stiamo lavorando per il futuro, faremo una squadra importante. Non dirò che vinceremo il campionato, perché oggi è impossibile dirlo e quello di serie B è durissimo. Servirà scendere in campo con l’elmetto perché ci sono squadre importanti. Però sono convinto che faremo bella figura. Stiamo creando un gruppo di vecchi e giovani, tosto, con dei leader in campo. Nella prossima settimana presenteremo l’allenatore (quasi certamente Pasquale Marino, ndr), quindi siamo partiti. Vogliamo fare qualcosa di importante, farvi divertire e farvi dimenticare un anno disgraziato per tutti voi“.



Leaderboard Derby 2019
Leaderboard nuovo MyEs