Pasquale Marino ha affidato le sue riflessioni post-partita di Udinese-SPAL ai microfoni dell’ufficio stampa della società, nell’impossibilità di poter incontrare i cronisti. L’accesso al campo di Premariacco (UD) è stato infatti preventivamente interdetto a causa dei limiti logistici della struttura.

C’è stato un buon impegno da parte di tutti. Spesso siamo ancora poco lucidi e c’è qualche errore di troppo dovuto a tutto il lavoro che stiamo facendo, per cui dobbiamo migliorare tantissimo. L’atteggiamento è positivo, dobbiamo eliminare tanti errori tecnici nell’impostazione del palleggio. Credo comunque ci sia stata la partecipazione da parte di tutti in entrambe le fasi di gioco. I ragazzi hanno mantenuto la squadra corta e sono rimasti stretti, tanto da limitare il grosso potenziale offensivo dell’Udinese. In termini di mentalità dobbiamo crescere tanto. Non mi metto a dare percentuali, però a me importa l’atteggiamento e finora è positivo. Spero che si continui così perché col lavoro quotidiano gli automatismi migliorano. Ho apprezzato anche il contributo di chi è entrato a partita in corso“.

Venerdì prossimo sappiamo di affrontare una squadra fortissima, lo dicono gli acquisti che hanno fatto e le ambizioni. Dovremo saper soffrire, perché imparando a farlo si porta a casa il risultato. Dovrà essere il nostro modo di interpretare le partite. Ora puntiamo a recuperare la fatica di oggi, poi incrementeremo il lavoro in vista della sfida col Monza. L’obiettivo è di avere una condizione migliore rispetto a quella mostrata oggi“.

foto: Isabella Gandolfi / SPAL



Leaderboard Derby 2019
Leaderboard nuovo MyEs