Tre gol in 17 minuti e tutti a casa. La SPAL che giocò a Chiavari l’11 febbraio 2017 contro la Virtus Entella chiuse la pratica con una disinvoltura del tutto inaspettata. A maggior ragione se si considera che la squadra allenata da Roberto Breda era imbattuta in casa fino a quel giorno. La SPAL invece era reduce da due pareggi: quello rocambolesco di Vicenza (1-1) col gol di rapina di Floccari a tempo scaduto e quello interno con l’Ascoli (1-1) condizionato dal campo fangoso.

IL TABELLINO
Virtus Entella-SPAL 0-3 (pt 0-3)
Marcatori: 4’ p.t. rig. Floccari (S), 10’ p.t. Mora (S), 15’ p.t. Costa (S).
Entella (4-3-1-2): Iacobucci; Belli, Ceccarelli, Pellizzer, Baraye; Moscati (dal 15’ p.t. Filippini), Troiano, Palermo; Tremolada (dal 23’ p.t. Benedetti); Caputo, Catellani (dal 13’ s.t. Ammari). All. Breda.
SPAL (3-5-2): Meret; Cremonesi, Vicari, Bonifazi; Lazzari (dal 10’ s.t. Schiavon), Schiattarella, Arini, Mora (dal 24’ s.t. Castagnetti), Costa; Finotto, Floccari (dal 30’ s.t. Zigoni). All. Semplici.
Arbitro: sig. Saia di Palermo.
L’articolo originale de LoSpallino.com

In quel giorno la SPAL, contro ogni pronostico di inizio stagione, si trovava al terzo posto della classifica. L’Hellas Verona, secondo, aveva da meno di un’ora beccato a sorpresa una batosta (2-0) ad Avellino che lo aveva lasciato a sole quattro lunghezze di vantaggio. A +6 era invece appena scappato il Frosinone di Pasquale Marino, che aveva vinto 1-0 il derby tra retrocesse dalla A col Carpi. La squadra di Semplici non perdeva un match dal KO in Piemonte con la Pro Vercelli il 17 dicembre, ma in compenso arrivava all’appuntamento dopo due pari che avevano fatto leggermente storcere il naso.

Ecco perché una vittoria con l’Entella, che all’andata aveva bloccato al Mazza la SPAL sul 2-2 dopo essere stata in vantaggio di due gol, si prospettava determinante sia per il morale sia per la classifica. Il tutto senza contare che, in caso di successo, la SPAL nella settimana successiva avrebbe fatto visita all’Hellas con un solo punto di ritardo. I diavoli neri dal canto loro, trainati da bomber Ciccio Caputo, dopo aver perso il match di Capodanno contro il Cittadella, avevano conquistato cinque punti nelle successive tre gare e si trovavano all’ottavo posto, l’ultimo disponibile per i playoff.

Davanti a poco più di duemila spettatori la SPAL ci mise meno del previsto a prendersi i tre punti. Complice l’espulsione di Baraye dopo neanche tre minuti per fallo su Cremonesi da solo in area, la SPAL dilagò con tre reti in poco più di un quarto d’ora. Il primo ad andare a segno fu il neo-arrivato Sergio Floccari, che si dimostrò anche un’abile rigorista, piazzando dal dischetto il terzo centro stagionale in quattro partite dopo Benevento e Vicenza. Poi fu il turno di Luca Mora e infine, Filippo Costa – da poco arrivato dal Chievo per sostituire Beghetto sulla fascia sinistra – che segnò di testa la sua prima rete tra i professionisti, oltre che l’unica con la maglia della SPAL.

L’esterno, oggi in forza proprio alla Virtus Entella, ha ricordato così quel momento in un’intervista rilasciata il 29 novembre 2020 ad Alessio Duatti de La Nuova Ferrara:

“Antenucci era assente per influenza. Temevamo la trasferta, l’Entella stava facendo bene, si preannunciava una gara tosta su un campo difficile. L’abbiamo messa in discesa con un grande approccio e col rigore con espulsione. Ho segnato il terzo gol, incredibilmente di testa, su assist di Lazzari. Il giorno dopo Semplici era ancora entusiasta della giocata, diceva che come ‘quinti’ (di centrocampo, ndr) avremmo dovuto farla più spesso”

Se quello del 2017 rimane l’ultimo incrocio tra le due squadre sul campo, non si può dire che non siano avvenuti scambi di casacca sul mercato. Detto di Costa, che però non sarà della partita a causa di un infortunio, Sala e Sernicola hanno trascorsi decisamente recenti con la squadra ligure. Con loro nella stagione 2019/2020 c’era un altro ex biancazzurro, il portiere Nikita Contini, mentre quest’anno c’è Davide Mazzocco, ceduto in prestito a fine mercato. Si tratta del secondo scambio diretto tra le due squadre dopo che, nel gennaio 2018, la SPAL aveva fatto scendere di categoria Michele Cremonesi.

A quasi quattro anni di distanza i reduci di quella sfida ancora alla SPAL sono due: Vicari e Floccari, entrambi in forte dubbio per la sfida di lunedì. Simile il contingente dell’Entella che conta ancora Borra, Pellizzer e Cléùr.



Leaderboard Derby 2019
Grafema