foto Elisa Anastasi

Poteva essere la svolta e invece è stata una beffa. La SPAL Primavera era a 30 secondi dal ritorno alla vittoria, peraltro sul campo della forte Sampdoria, ma un gol di Di Stefano negli attimi finali ha fissato il risultato su un deludente 2-2. Deludente non tanto per il risultato in sé in un momento di difficoltà, ma per le modalità con le quali era arrivato. La squadra di mister Mandelli era infatti riuscita a portarsi avanti di due reti prima d’essere raggiunta.

Il tecnico, alla terza partita con la squadra dopo il subentro a Fabrizio Piccareta, ha commentato così: Per quella che è la classifica prima della partita un 2-2 sarebbe stato accolto come un buon risultato. Il dispiacere deriva dal fatto che stavamo quasi esultando per la vittoria. Fa male subire gol all’ultimo secondo dopo una partita in cui i ragazzi hanno dato l’anima, però dobbiamo fargli capire che sono cose che possono succedere. La differenza la farà il modo in cui reagiranno a questi schiaffi. Il calcio a volte toglie, ma se perseveri alla fine dà anche. Riuscire a vincere oggi sarebbe stata una spinta morale importante, anche a livello di serenità visto il momento difficile che stiamo attraversando, in cui ci manca tranquillità. La stessa tranquillità che non abbiamo avuto anche nel finale di partita e che ci avrebbe aiutato a giocare meglio quei minuti. Ma spirito e atteggiamento sono stati giusti. Se reagiamo subito possiamo toglierci delle soddisfazioni”.

“La squadra ha avuto un ottimo approccio alla partita, contro una squadra di qualità e di mentalità offensiva. Sapevamo di potergli far male ripartendo con convinzione ed è quello che è successo. Sul 2-0, pur lasciando il pallino del gioco a loro, non abbiamo concesso tutte queste occasioni. L’episodio del 2-1 ci può stare per la grande pressione che hanno messo. Nonostante il gol siamo rimasti sereni e tranquilli, ma purtroppo non ci è girata bene”.

“Tatticamente oggi abbiamo provato a variare sistema di gioco (3-4-3) per attaccare meglio. Nel finale la difesa è diventata a cinque perché la Samp ci ha schiacciato molto. Il modulo però lascia il tempo che trova, quello che fa la differenza sono la convinzione e la voglia di giocare”.

LINK: la classifica temporanea del campionato Primavera 1, via MondoPrimavera

La Primavera ora avrà quattro giorni per recuperare le energie prima della prossima sfida contro l’Hellas Verona in trasferta, in calendario giovedì 17 febbraio (ore 12.30).

Sampdoria-SPAL 2-2 (p.t. 0-1)

Sampdoria (3-5-2): I. Saio; Villa (dal 48′ s.t. Samotti), Paoletti, Migliardi; Somma, Pozzato (dal 17′ s.t. Leonardi), Yepes (dal 48′ s.t. Bonavita), Sepe, Bianchi (dal 1′ s.t. Malagrida); Montevago (dal 37′ s.t. Catania), Di Stefano. A disposizione: Tantalocchi, Bontempi, Saragò, Porcu, Zorzi, Musso. All. Tufano.

SPAL (3-4-3): Rigon; P. Saio, Breit, Csinger; Pabai, Mihai (dal 43′ s.t. Simonetta), Sperti (dal 29′ s.t. Martini), Borsoi; Orfei (dal 43′ s.t. Bugaj), Wilke Braams (dal 29′ s.t. Traore), Noireau-Dauriat (dal 15′ s.t. Forapani). A disposizione: Magri, Nador, Fiori, Puletto, Boccia, Yabre. All. Mandelli.

Arbitro: sig. Djurdjevic di Trieste (ass.ti. Nasti e Orlando)
Marcatori: 8′ p.t. Borsoi (Sp), 10′ s.t. Wilke Braams (Sp), 15′ s.t. Di Stefano (Sa), 50′ s.t. Di Stefano (Sa).
Ammoniti: Bianchi (Sa), Paoletti (Sa), Villa (Sa).
Note: pomeriggio soleggiato; angoli: 10-2; recuperi: 2′ p.t., 4′ s.t.

Azioni salienti primo tempo:
2′ Sperti indovina un passaggio per Borsoi che, dentro l’area, inquadra lo specchio ma trova il ginocchio del portiere Saio a chiuderlo.
8′ SPAL IN VANTAGGIO! Azione personale di Borsoi sulla sinistra che si libera della marcatura di Villa e calcia a giro sul secondo palo.
12′ Tiro violento di Sepe da fuori area che trova le falangi di Rigon e poi sbatte sulla traversa.
25′ Sugli sviluppi di un corner Paoletti calcia un pallone velenoso sul secondo palo ma Rigon non si fa sorprendere e blocca al petto.
34′ Punizione di Sperti da posizione pericolosa: palla alta di poco sopra la traversa.
47′ Il primo tempo si chiude con un rasoterra di Borsoi dal limite, troppo centrale per impensierire Saio.

Azioni salienti secondo tempo:
10′ Raddoppio SPAL! Noireau-Dauriat sulla sinistra serve a rimorchio Borsoi che mette un pallone interessante a centro area dove Wilke Braams controlla di spalla, si gira e infilza Saio da due passi.
15′ Accorcia la Sampdoria. Somma crossa dalla linea di fondo e trova l’incornata vincente di Di Stefano, bravo a inserirsi tra le maglie dei difensori.
25′ Sugli sviluppi di un calcio d’angolo Yepes prova a fare la torre di testa, ma Rigon in uscita anticipa Montevago scongiurando il pericolo.
34′ Migliardi su punizione indovina la porta ma Rigon è ancora una volta ben posizionato e aspetta il pallone tra le sua braccia.
44′ Leonardi prova una conclusione in mezzo al traffico dell’area spallina ma il numero uno estense neutralizza il pericolo.
50′ L’arbitro concede trenta secondi in più per i cambi della Samp avvenuti nel recupero e Di Stefano approfitta del calcio d’angolo finale per avventarsi su un rimpallo e siglare il 2-2.



Dinamica Media – leaderboard
Elite Division – leaderboard
Dimedia – leaderboard
CFI – leaderboard
MEIS – leaderboard