Una SPAL decimata da nove assenze non riesce nell’impresa di portare a casa punti dal Via del Mare di Lecce, ma può comunque essere soddisfatta di quanto mostrato in campo. Dopo un primo tempo coraggioso gli uomini di Venturato si sono dovuti arrendere ad un Lecce evidentemente più in forma e meglio equipaggiato, a cui è bastato il lampo di Helgason a metà ripresa per avere ragione dei biancazzurri. Dal punto di vista della prestazione e soprattutto dell’atteggiamento la SPAL ha fatto senz’altro registrare un passo avanti rispetto alla partita contro il Cosenza. Difficile chiedere qualcosa di più nel risultato contro una squadra che con l’1-0 di oggi va ad agganciare momentaneamente la Cremonese in testa alla classifica. Per i biancazzurri invece si assottiglia il vantaggio sull’Alessandria, vincente sul Pordenone e ora a -5 dalla banda di Venturato. Prossimo impegno lunedì 18 alle 12:30 in casa contro il Crotone, in una partita  fondamentale per il discorso salvezza della SPAL.

Azioni salienti 1° tempo:
4’ Prima occasione SPAL. Calcio d’angolo battuto lungo da Esposito su cui Vicari stacca tutto solo: alto di poco.
15’ Ci prova all’improvviso il Lecce: lancio per Coda che si coordina al volo e calcia, Alfonso mette in angolo.
16’ Gol annullato al Lecce. Calabresi calcia in porta sugli sviluppi di corner, Coda corregge in rete, ma evidentemente al di là dell’ultimo difensore biancazzurro.
23’ Ancora da calcio da fermo la SPAL. Un’altra traiettoria pericolosa disegnata da Esposito stavolta sulla testa di Zanellato, che non riesce però a mettere forza nel colpo.
35’ Miracoloso Alfonso! SPAL scoperta centralmente e presa in infilata dal taglio di Di Mariano: provvidenziale l’intervento dell’estremo difensore biancazzurro che esce sul tiro dell’avversario e mette in angolo.

Azioni salienti 2° tempo:
1’ Doppia occasione Lecce. Esplosiva uscita dei giallorossi con Coda che prima sbatte su Alfonso, poi al volo non trova lo specchio sulla respinta. Pericolosi i salentini.
8’ Palo di Colombo! Imbuca Mancosu per il numero nove che di prima calcia con il mancino da fuori area sfiorando il montante a Gabriel battuto: vicinissima al gol la SPAL.
21’ Vantaggio Lecce. Bella e veloce la costruzione giallorossa con Coda a rifinire per Helgason, che a tu per tu con Alfonso non sbaglia e fa 1-0.
37’ Ci prova Mancosu di prepotenza: il capitano salta Calabresi e Strefezza e prova la battuta personale a giro, la palla viaggia però lontano dalla porta.

Lecce-SPAL 1-0 (pt 0-0)

Lecce (433): Gabriel; Calabresi (dal 41’ s.t. Gendrey), Lucioni, Tuia (dal 17’ s.t. Dermaku), Gallo; Blin (dal 17’ s.t. Helgason), Hjulmand, Gargiulo (dal 1’ s.t. Bjorkengren); Strefezza (dal 41’s.t. Ragusa), Coda, Di Mariano. A disp.: Bleve, Listkowski, Faragò, Barreca, Majer, Asencio, Rodriguez. All.: Baroni.

SPAL (4312): Alfonso; Almici (dal 33’ s.t. Pabai), Peda, Vicari, Celia; Zanellato, Esposito, Pinato (dal 23’ s.t. Mora); Mancosu; Colombo (dal 33’ s.t. Finotto), Vido (dal 23’ s.t. Latte Lath). A disp.: Pomini, Rigon, Tripaldelli, Crociata, Zuculini, Da Riva, Nador. All.: Venturato.

ARBITRO: sig. Marchetti di Ostia. Assistenti: Vono e Rossi. IV ufficiale: Catanoso. VAR: Piccinini. AVAR: Bottegoni.
MARCATORI: 21’ s.t. Helgason (L).
AMMONITI: Almici (S), Celia (S), Tuia (L), Blin (L), Mora (S).
NOTE: giornata soleggiata, campo in buone condizioni. Spettatori: 11578, di cui 74 ospiti. Calci d’angolo: 6-7. Recupero: 1’ p.t., 4’ s.t..



Dinamica Media – leaderboard
MEIS – leaderboard
Dimedia – leaderboard
Elite Division – leaderboard
CFI – leaderboard