foto Cutuli

C’è chi è fiducioso, chi semplicemente speranzoso e chi è palesemente catastrofista. Fatto sta che da giorni chi ha a cuore la SPAL non fa che guardare la classifica nella speranza che non si materializzi il peggiore degli spettri.

Per questo abbiamo voluto compilare la lista di tutte le combinazioni possibili per le ultime tre partite dei biancazzurri. Un paio di precisazioni prima di partire: in caso di arrivo in parità la SPAL è in svantaggio con l’Alessandria (1 pareggio e 1 sconfitta) e in vantaggio con Cosenza (1 vittoria e 1 pareggio). In nessun caso la SPAL può invece essere raggiunta dal Vicenza (-10) che però in alcune circostanze potrebbe comunque affrontare ai playout.

In caso di arrivo a pari punti di SPAL, Alessandria e Cosenza la classifica avulsa vedrebbe avanti l’Alessandria (due vittorie e un pareggio negli scontri diretti) e ai playout SPAL (una vittoria e due pareggi) e Cosenza (una vittoria e un pareggio).

9 punti (3 vittorie): la SPAL è aritmeticamente salva, a prescindere dai risultati di Alessandria e Cosenza.

7 punti (2 vittorie e 1 pareggio): la SPAL è aritmeticamente salva, perché con 42 punti non sarebbe raggiungibile dall’Alessandria, che potrebbe arrivare al massimo a 41 punti (32+9). Ovviamente medesimo discorso si applicherebbe al Cosenza.

6 punti (2 vittorie): la SPAL salirebbe a quota 41 e non sarebbe in alcun caso salva autonomamente, a meno di considerare i risultati di chi la segue in classifica. Ma servirebbero contemporaneamente 9 punti sia del Cosenza (37, -4 dalla SPAL) sia dell’Alessandria (41 – scontro diretto a favore) per mandarla ai playout.

5 punti (1 vittoria e 2 pareggi): stesso identico scenario dei 6 punti dal momento che Alessandria e Cosenza non possono farne 8 ma 7 o 9.

4 punti (1 vittoria e 1 pareggio): la SPAL salirebbe a quota 39. Servirebbero 7 punti dell’Alessandria (39 – scontro diretto a favore) per farla finire ai playout, ammesso però che ne faccia 7 anche il Cosenza (35, -4 dalla SPAL) che altrimenti sarebbe distanziato di più di cinque punti.

3 punti (1 vittoria oppure 3 pareggi): la SPAL arriverebbe a quota 38. A questo punto andrebbe ai playout se:

  • L’Alessandria dovesse fare 6 punti (38, ma scontri diretti a favore) e il Cosenza 6 punti (34, distacco inferiore ai 5).
  • L’Alessandria dovesse fare 6 punti (38, ma scontri diretti a favore) e il Vicenza 9 punti (34, distacco inferiore ai 5).

2 punti (2 pareggi): la SPAL sarebbe a quota 37. A questo punto andrebbe ai playout se:

  • L’Alessandria dovesse fare 5 punti (37, ma scontri diretti a favore) e il Cosenza 5 punti (33, distacco inferiore ai 5).
  • L’Alessandria dovesse fare 5 punti (37, scontri diretti a favore) e il Vicenza 9 punti (34 punti, distacco inferiore ai 5)

1 punto (1 pareggio): la SPAL si ritroverebbe a quota 36. A questo punto andrebbe ai playout se:

  • L’Alessandria dovesse fare 4 punti (36, ma scontri diretti a favore) e il Cosenza 4 punti (32, distacco inferiore ai 5).
  • L’Alessandria dovesse fare 4 punti (36, ma scontri diretti a favore) e il Vicenza 7 punti (32, distacco inferiore ai 5)
  • A prescindere dall’andamento dell’Alessandria il Cosenza dovesse riuscire a fare 9 punti.

0 punti (3 sconfitte): la SPAL resterebbe a quota 35. A questo punto andrebbe ai playout se:

  • L’Alessandria dovesse fare 3 punti (35, ma scontri diretti a favore) e il Cosenza altrettanti punti (31 punti, distacco inferiore ai 5).
  • L’Alessandria dovesse fare 3 punti (35, scontri diretti a favore) e il Vicenza 6 punti (31, distacco inferiore ai 5).
  • A prescindere dall’andamento dell’Alessandria, il Cosenza facesse 9 punti.

 

ha collaborato Costantino Felisatti



Dinamica Media – leaderboard
MEIS – leaderboard
Dimedia – leaderboard
Elite Division – leaderboard
CFI – leaderboard