foto Filippo Rubin

Giunti alla 38^ giornata il Benevento ha ancora un obiettivo e la SPAL no. Per cui potrebbe essere facile ipotizzare una partita tra una squadra motivata e una mentalmente in vacanza, ma questa per ovvi motivi non può essere una narrazione gradita a Roberto Venturato. Il tecnico, nella consueta conferenza stampa prepartita, ha ribadito che la SPAL andrà al “Vigorito” per giocarsela, senza turnover da ultimo giorno di scuola.

DISPONIBILI / INDISPONIBILI – La lista dei non convocabili è abbastanza lunga. Ne fanno parte Meccariello, Peda, Heidenreich, Viviani e Rossi, oltre a Zanellato che è stato squalificato per un turno.

PREMESSE – “Andiamo a giocarci una partita contro una squadra che è stata a lungo in corsa per l’obiettivo della promozione diretta. Eventualmente avrà la possibilità di giocarsi un posto in serie attraverso i playoff e questo significa che sarà un avversario ostico. Questo ci deve dare motivazioni per fare una prestazione importante, sapendo che troveremo degli ostacoli“.

TURNOVER – “No, non ci sarà il classico turnover per chi ha giocato meno. Cercherò di mettere la formazione migliore, che ci metta nelle condizioni di fare la prestazione che ho in mente. Tutti i giocatori a disposizione hanno capacità e valuterò la situazione sia prima sia durante la partita per il bene della squadra. Ci sto pensando, ho 4-5 dubbi in testa: quello del portiere è uno di questi. L’importante è che chi verrà scelto sia attento e concentrato al pari di tutti gli altri convocati“.

SOLLIEVO – “In questi giorni c’è stata la gratificazione del raggiungimento dell’obiettivo con una giornata d’anticipo. Tutti sono da ringraziare, dai calciatori a tutte le altre persone che hanno lavorato per la squadra, come i direttori Zamuner e Tarantino. La tensione di fare le partite rimane, perché vogliamo fare bene contro una delle più forti del campionato. Penso che la preparazione si stata adeguata e vissuta in modo positivo, magari con qualche sorriso in più del solito“.

RISULTATI E FUTURO – “In questo campionato abbiamo fatto sei partite nelle quali meritavamo la vittoria per gioco e occasioni create. Questo ci avrebbe dato una grande gratificazione. Il lavoro c’è stato comunque, l’impegno e la determinazione ci sono stati. La squadra ha un’identità e un modo di stare in campo. A fronte di questo non sono arrivate le vittorie e quindi la considero una sfida importante per il futuro, che mi piacerebbe portare avanti qui“.

RAGIONAMENTI – “Credo sia nella normalità ritrovarsi a campionato finito e fare delle valutazioni per parlare di quanto fatto e si potrebbe fare. Fa parte del percorso di avvicinamento alla stagione successiva“.

ROSSI – “Su Giuseppe verranno fatte valutazioni oggettive in questa settimana e poi ci sarà un confronto col medico che lo aveva già operato a suo tempo e che lo ha curato in questi anni. Credo ci voglia un po’ di attenzione perché è un ragazzo che in carriera ha avuto tanti infortuni gravi. In questo momento decisioni non ne sono state prese“.

 

IPOTESI DI FORMAZIONE (4312): Thiam (Alfonso); Dickmann, Vicari, Capradossi, Celia; Da Riva, Esposito, Pinato; Mancosu (Crociata); Vido, Colombo (Latte Lath).

 

 



Dinamica Media – leaderboard
MEIS – leaderboard
Dimedia – leaderboard
Elite Division – leaderboard
CFI – leaderboard