foto Rubin

Come ormai da tradizione consolidata la campagna abbonamenti della SPAL è stata presentata nella residenza municipale a Ferrara, alla presenza del sindaco Alan Fabbri e dell’assessore allo sport Andrea Maggi. La differenza principale col passato sta nella composizione della delegazione della società biancazzurra: a fare delle considerazioni ha provveduto solo il direttore generale Andrea Gazzoli, visto che il presidente Joe Tacopina si trova a New York e tornerà in Italia solo a ridosso dell’inizio del ritiro precampionato, il cui inizio è in programma entro la prima decade di luglio.

foto Rubin

Fabbri, che della SPAL è tifoso di lungo corso, si è rallegrato per il ritorno della campagna abbonamenti dopo ben due stagioni di sospensione: “Non solo la città ma anche la provincia ha un legame fortissimo con la SPAL ed è qualcosa che va al di là della squadra di calcio. SPAL significa vanto, onore, tradizione e al tempo stesso innovazione grazie alle tante idee e iniziative che vengono portate avanti di anno in anno. Gli ultimi due nani sono stati piuttosto difficili, ma devo dire che c’è sempre stata grande condivisione con la società, sia quando c’era la famiglia Colombarini, sia con Tacopina. Personalmente mi pare di avvertire grande entusiasmo da parte dei tifosi per il campionato che arriverà, soprattutto perché sarà di grande livello e ci metterà di fronte ad avversari importanti. Vedremo tante sfide avvincenti“.

Gazzoli è entrato un po’ più nel merito dei contenuti della campagna: “Il presidente Tacopina ci teneva, per quanto possibile, a proporre dei prezzi contenuti e penso che la novità della tariffa Under 18 vada nella direzione di agevolare le famiglie e portare allo stadio i giovani. Dopo due anni difficili penso ci sia molta voglia di stadio e di aggregazione. Dal punto di vista visivo abbiamo voluto riaffermare il concetto del rapporto tra la SPAL e Ferrara, con la sua storia e le sue radici“.

Il raffronto con le tariffe del 2016 è un po’ problematico perché all’epoca lo stadio aveva un aspetto decisamente diverso (non c’erano gradinata e curva est). Facendo i calcoli, con 13 gare pagate si entra allo stadio per tutto l’anno. In combinato abbiamo messo un’agevolazione sulla SPAL Card fino al 31 luglio. Per quanto riguarda i voucher facciamo fatica a fare una stima dell’impatto che possono avere sui numeri di questa stagione: ce ne sono 6.300 ancora attivi, anche se qualcuno ovviamente lo avrà parzialmente utilizzato nell’ultimo campionato. Quota 4mila abbonamenti può essere una soglia realistica, senz’altro un buon punto di partenza. Però non voglio fissare obiettivi. Speriamo di poter attrarre nuovi tifosi“.

Sul mercato mi sembra che siamo in linea con gli standard della serie B, in cui di norma si va più lentamente rispetto alla A. Siamo a metà giugno e tante operazioni verranno fatte verso la fine del mese, a ridosso della data del raduno“.

Il sindaco ha poi raccontato un aneddoto che intreccia la passione per la SPAL al concerto di Bruce Springsteen in programma a maggio 2023 proprio a Ferrara: “Nel 2020 incontrai per la prima volta Claudio Trotta, manager del Boss in Italia, e parlando un po’ a ruota libera venne fuori che da piccolo era un grandissimo appassionato di figurine Panini e che la SPAL lo aveva sempre affascinato per questo motivo. Così pensai di fargli visitare lo stadio e di regalargli una maglia biancazzurra. Mi piace pensare che anche questo ci abbia aiutati a raggiungere il risultato storico di vedere Springsteen a Ferrara“.



Dinamica Media – leaderboard
Elite Division – leaderboard
Dimedia – leaderboard
CFI – leaderboard
MEIS – leaderboard