Una Coppa che può essere gustosa. Semplici ci crede: Il Bassano è forte, ma noi vogliamo passare

Alla vigilia della gara dei quarti di finale di Coppa Italia Lega Pro con il Bassano Virtus, mister Semplici dichiara di non sottovalutare la competizione, anzi. Il tecnico biancazzurro si aspetta una buona prestazione dai suoi e l’obiettivo è quello di vincere per proseguire il cammino in Coppa. Anche se non sarà un’impresa facile per i ferraresi, dato che il Bassano è una corazzata. Ma nello scontro diretto al “Mazza”, il tecnico è convinto che la SPAL abbia le carte in regola per farsi valere. “La squadra oggi si è allenata al completo, a parte Togni, Gentile e Cottafava che hanno svolto un lavoro differenziato. Tenteremo di recuperarli per la gara di domani, in caso contrario l’importante è che siano in condizione domenica. Per quanto riguarda il match di coppa ci impegneremo per giocare una bella partita e per passare al turno successivo. Affronteremo un avversario di carattere, che sta facendo benissimo nel suo girone; lo rispettiamo, ma allo stesso tempo siamo consapevoli dei nostri mezzi e cercheremo di regalare un bello spettacolo al nostro pubblico. Mi aspetto una SPAL determinata e con personalità”. Domani in campo sarà dato spazio a chi finora ha giocato meno per permettere a chi ha più minuti nelle gambe di conservare le forze per il Gubbio. Un’occasione da sfruttare al meglio per ragazzi come Albertoni, Rosina e Veratti: “Sono giocatori che ancora non conosco bene e una partita come quella di domani mi aiuterà a capire se in futuro li potrò considerare titolari, oltre che parte integrante del gruppo. Per loro è la possibilità di avere più spazio e di mettermi in difficoltà nelle prossime scelte, intensificando la sana competizione all’interno della squadra”. Domani scenderà in campo dal primo minuto anche Capece, nonostante siano sempre più insistenti le voci su una sua possibile partenza: “Ultimamente non ha avuto spazio, ma se rimarrà a me farà piacere allenarlo. Andare via o restare è una scelta che spetta esclusivamente a lui”. Infine Semplici ha introdotto il nuovo arrivato Andrea Pappaianni Lenzi, difensore classe 1993, approdato in casa spallina nell’operazione che ha portato Germinale ad Alessandria: “E’ un buon giocatore che è venuto a rinforzare il nostro organico, avendo la SPAL come terzini solo Nava e Lazzari. E’ in buone condizioni ed è già convocabile, a partire dall’incontro di domani”. E’ possibile quindi che l’ultimo acquisto spallino faccia il suo esordio già domani al “Mazza”.

Ma conosciamo meglio Andrea Pappaianni Lenzi. Nella abituale conferenza di presentazione alla stampa ferrarese, il difensore nativo di Modena ha ripercorso la sua carriera calcistica: “Ho giocato quattro anni nel settore giovanile del Parma dove ho sempre fatto il terzino, poi quando sono passato ad Alessandria ho giocato anche dietro. Mi considero un giocatore di copertura e all’occasione anche di spinta. Spero di ritagliarmi il mio spazio all’interno della squadra. Mi sento pronto e già arruolabile per la gara con il Bassano. Poi valuterà il mister chi far giocare”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0