La SPAL e quel pronostico degli scommettitori: col Forlì vince. Ma si verifica l’esatto contrario

E’ stato già detto, ma vale la pena ribadirlo con estrema chiarezza: i tifosi della SPAL possono dormire sonni tranquilli. Dalle carte non risulta coinvolgimento alcuno della loro squadra del cuore nel nuovo scandalo del calcioscommesse che sta scuotendo il calcio italiano e in particolare Lega Pro e Lega Nazionale Dilettanti. 

Per questo non deve affatto preoccupare vedere il nome “SPAL” trascritto in due delle innumerevoli intercettazioni telefoniche che riguardano i protagonisti di questa inquietante vicenda. La squadra biancazzurra è infatti menzionata in due diverse chiamate nello stesso giorno, per la precisione il 21 novembre 2014.

Nella prima, registrata alle 18.19, i protagonisti sono l’ex calciatore Fabio Di Lauro e il direttore sportivo de L’Aquila Ercole Di Nicola. I due discutono della possibilità di accomodare il risultato di L’Aquila-Savona, quando Di Lauro chiede al suo interlocutore un’opinione su Forlì-SPAL che si sarebbe giocata quella stessa sera. Di Nicola replica pronosticando una vittoria dei biancazzurri, sbagliando, perché la squadra allora da Oscar Brevi avrebbe perso 1-0 per effetto del gol segnato da Drudi.

Ercole DI NICOLA: pronto?
Fabio DI LAURO: Ercole, ti disturbo?
Ercole DI NICOLA: no..
Fabio DI LAURO: loro dovrebbero arrivare stanotte penso… dice che partivano oggi o al massimo… almeno così mi hanno detto… al massimo domani sono lì, domani mattina
Ercole DI NICOLA: si
Fabio DI LAURO: cosa è che ti volevo dire?… invece Daniele ti ha chiamato per l’altra cosa, oppure…
Ercole DI NICOLA: la cosa quale?… l’altra?
Fabio DI LAURO: la sua..
Ercole DI NICOLA: si… ma dobbiamo… però dobbiamo… io… nel senso che…
Fabio DI LAURO: in che senso?
Ercole DI NICOLA: nel senso che loro mi hanno cercato una cosa e mo’ dobbiamo farci dare da loro..
Fabio DI LAURO: no…ho capito ..pero’ lui mi diceva… nel senso, questi qui fanno sempre i soliti, no? i soliti… metti caso che loro domani arrivano, no… così… dicono di no… lui mi diceva… tu nel caso riusciresti a fare qualcosa?
Ercole DI NICOLA: si, ma non a quella cifra che hanno detto loro, dove li prendo?
Fabio DI LAURO: no, no, no… cioè nel senso… che tu riesci, per dire, a fare 3, 4 mila di giocata, questo ti dico!…
Ercole DI NICOLA: eh..
Fabio DI LAURO: la loro, così lui da qualcosa a quelli loro… più una tua… la fai tu soltanto capito che ti voglio dire?
Ercole DI NICOLA: capito, ho capito, però parliamo di briciole… eh, eh, eh!
Fabio DI LAURO: No, possiamo pure di più… cioè nel senso io dico..
Ercole DI NICOLA: di più dove li prendiamo… io perché’ ti dico è importante l’aiuto loro… è importante l’aiuto loro perché altrimenti io non posso far niente..
Fabio DI LAURO: no, no… è importante… ho capito questo sicuramente… però lui dice… mo’ domani c’è quella possibilità… lui già si è mosso e si può fare bene, no? però giustamente “se faccio solo la mia” dice… pochi se questi qui fanno, capito? fanno non ci stanno… nel senso se tu hai qualcosa tua l’abbini alla tua..
Ercole DI NICOLA: io ce l’ho, ma se non ci sta la gente di là, non faccio niente..
Fabio DI LAURO: Come?
Ercole DI NICOLA: se non c’ho l’aggancio di la io non faccio niente..
Fabio DI LAURO: Ah, ho capito..
Ercole DI NICOLA: non muovo niente ..
Fabio DI LAURO: va bene, allora facciamo così..
Ercole DI NICOLA: perché sono poi briciole, poi chiudi, poi riapri… poi non… cioè … non la muovo qui la cosa… preferisco non fare niente…
Fabio DI LAURO: ho capito, ho capito…
Ercole DI NICOLA: Se no, io ce l’ho… io la cosa ce l’ho… però, se non vedo quelli che fanno, io non mi muovo..
Fabio DI LAURO: va bene, va bene, glielo dico allora, dai… la Spal stasera vince, che dice?
Ercole DI NICOLA: per me si..
Fabio DI LAURO: infatti gli mancano nove giocatori a loro mi hanno detto… hai fatto qualcosa, no?… Spal, niente?… Catanzaro?
Ercole DI NICOLA: No, no…
Fabio DI LAURO: Niente?
Ercole DI NICOLA: ‘nzi (negativo)…
Fabio DI LAURO: ho capito va..
Ercole DI NICOLA: per domani ci stanno delle belle cose…
Fabio DI LAURO: va bene dai..
Ercole DI NICOLA: se arrivano presto questi e facciamo le cose va bene..
Fabio DI LAURO: va bene perfetto
Ercole DI NICOLA: ok?
Fabio DI LAURO: Va bene…

Nella seconda telefonata, effettuata pochi minuti dopo – alle 18.23 – Di Lauro parla con Daniele Ciardi, il magazziniere del Santarcangelo organizzatore di diverse combine, in una conversazione che ha come oggetto principale Grosseto-Santarcangelo del giorno dopo. Allo stesso modo della precedente telefonata, Di Lauro chiede a Ciardi: “ma la Spal stasera, Daniè?“, ricevendo come risposta un altro pronostico in favore dei biancazzurri (Per me vince“). Ciardi menziona anche la quota che le agenzie di scommesse assegnavano a una possibile vittoria della SPAL (2.40), prima di tornare sul discorso principale.

Daniele CIARDI: pronto?
Fabio DI LAURO: Daniè…
Daniele CIARDI: ohi!…
Fabio DI LAURO: io ho chiamato mo’ al tuo amico di giù… ad Ercole..
Daniele CIARDI: eh
Fabio DI LAURO: lui mi sta dicendo che si ha qualcosa, però aspetta loro..
Daniele CIARDI: eh
Fabio DI LAURO: per fare… se no dice: “sono briciole”… se io faccio con loro ok..
Daniele CIARDI: eh..
Fabio DI LAURO: hai capito? quindi Daniè se vogliamo… magari dopo gli mando un messaggio a questo di qua no?
Daniele CIARDI: eh..
Fabio DI LAURO: …loro sono in viaggio…
Daniele CIARDI: eh
Fabio DI LAURO: Così mi hanno detto… stasera gli mando un messaggio a quello lì che gliel’hai mandato… e si rischia con il nostro e la loro, quella di Ercole..
Daniele CIARDI: fammi sapere
Fabio DI LAURO: vabbè dopo ti chiamo
Daniele CIARDI: io sono a posto
Fabio DI LAURO: eh?
Daniele CIARDI: io ti ho detto sono a posto
Fabio DI LAURO: va bene, va bene, facciamo (parola incomprensibile)… stammi a sentire ma la Spal stasera, Daniè?…
Daniele CIARDI: per me vince..
Fabio DI LAURO: ma tutti quanti… quant’è la quota, si è abbassata?
Daniele CIARDI: no, a 2.40, però ti volevo chiedere, fammi capire una cosa… ma io, ai miei, io ho detto che gli dò… sono 4… loro vogliono 2 e 5 a testa…
Fabio DI LAURO: a testa?
Daniele CIARDI: eh..
Fabio DI LAURO: Daniè te l’ho detto… ti ho spiegato la situazione, cioè nel senso che..
Daniele CIARDI: ho capito, ma domattina io cosa gli faccio vedere? gli faccio vedere quello che mi hai dato, un po’…
Fabio DI LAURO: Eh, gli fai vedere quelli lì…
Daniele CIARDI: se vogliono venire… non è che posso fino all’ultimo…
Fabio DI LAURO: gli fai vedere quelli lì… gli fai vedere quelli li e domani se arrivano loro poi vengono direttamente da te…
Daniele CIARDI: ci pensi te con loro?
Fabio DI LAURO: io lo dico subito a loro… tu magari li fai vedere a loro…
Daniele CIARDI: eh..
Fabio DI LAURO: In caso… quelli vogliono vedere quei soldi, li anticipi a loro, hai capito?
Daniele CIARDI: mmm
Fabio DI LAURO: comunque dopo ti chiamo..

Il fatto che il nome della SPAL ricorra esplicitamente in questo unico caso, a fronte di migliaia di pagine di trascrizioni (e che i pronostici di Di Nicola e Ciardi si rivelino puntualmente sbagliati) è sufficiente per diradare ogni possibile dubbio. Ciò che però questa conversazione sembra confermare è la tendenza dell’organizzazione criminale al tenere d’occhio l’intero quadro delle partite del girone, compatibilmente con le ambizioni di espansione del giro evidenziate dal procuratore capo di Catanzaro. Un dettaglio che nel prossimo futuro imporrà alle società, almeno quelle serie, di scegliere con estrema cura a chi affidare una maglia o un ruolo dirigenziale di qualunque tipo, per scongiurare ogni tipo di ambiguità o di legame con chi fa del pallone un gioco sporco.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0