Un rookie sotto canestro per la Bondi: MJ Rhett pronto a indossare il biancazzurro

Dopo settimane di ricerca la Bondi Pallacanestro Ferrara ha trovato il primo dei suoi due americani per la stagione 2015-2016: si tratta di Malcolm Rhett, per tutti MJ, ventiduenne originario del South Carolina. Rhett è un’ala grande dal fisico imponente (206 cm di altezza per 109 kg di peso), cresciuta sportivamente alla Tennessee State University e che ha completato il suo percorso nel college basket con Ole Miss, l’università del Mississippi. A giugno Rhett era entrato nel draft per la NBA, senza tuttavia riuscire a strappare un contratto. I siti statunitensi di scouting descrivono Rhett come un giocatore potente ma atletico, in grado di farsi rispettare in difesa anche con giocatori più rapidi di lui. Rimbalzista più che affidabile (4.6 di media nell’ultima stagione, addirittura 9.1 in quella precedente), sul fronte offensivo non si tratta di un realizzatore di alto profilo (7.4 punti di media su 22 minuti di impiego a partita), nonostante la capacità di andare a segno anche dalla media distanza. Rhett ha affidato al suo profilo Twitter il primo commento sulla sua nuova esperienza, dimostrando ovviamente grande entusiasmo.

MJ. Rhett   WarRhetty    Twitter

In attesa dell’arrivo in Italia di Rhett, la Bondi è pronta a presentare Jordan Losi a stampa e tifosi. Il playmaker ex Tortona si aggiunge quindi a un roster di vecchie volpi che comprende Bucci, Brkic, Ibarra e Lestini. Rimane aperta la pratica per il secondo americano, che dovrà essere un’ala piccola in grado di disimpegnarsi nel ruolo di guardia. Il gm Ebeling è alla ricerca di un giocatore già dotato di esperienza in Europa, ma dovrà fare i conti con un bilancio che non permette spese folli.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0