Arriva De Vitis, parte Pierfederici in prestito. Ora si attendono offerte per Germinale

Dopo aver ben figurato nel periodo di prova e aver convinto la società a metterlo sotto contratto, Gianmarco Pierfederici prepara di nuovo le valigie: si trasferirà in prestito per una stagione al San Marino, in serie D. L’arrivo del trequartista ex Cesena, classe 1996, è stato ufficializzato dalla società sammarinese con un post sulla propria pagina ufficiale Facebook.

Sul fronte del mercato in uscita, dopo la rescissione di Rosina, rimane aperta solo la pratica che riguarda Domenico Germinale: l’attaccante era stato accostato al Pordenone, ma l’interesse dei friulani sembra essersi raffreddato. La presenza di Oscar Brevi alla Torres ha fatto ipotizzare un approdo in Sardegna, ma al momento sembra più una suggestione che una vera e propria possibilità. Da scartare l’ipotesi Pisa, circolata negli ultimi giorni: la società del contestato presidente Battini ha varato la politica del low-cost ed è improbabile che voglia accollarsi il pesante contratto del giocatore.

Nel frattempo, con l’imminente arrivo di De Vitis dalla Sampdoria, l’organico della SPAL va verso il completamento. Se si escludono i ragazzi aggregati dalla Berretti durante il ritiro (il difensore Curci e il centrocampista Miotto) la rosa conta 22 giocatori. Il tetto per la Lega Pro in questa stagione è fissato a 24, con la presenza di 8 under (nati dopo il primo gennaio 1994) nel caso si voglia incassare il massimo di contributi federali. Ecco di seguito la situazione in casa biancazzurra.

PORTIERI
Branduani (1989); Contini (1996); Macario (1997)

DIFENSORI
Ceccaroni (1995); Cottafava (1977); Gasparetto (1988); Giani (1986); Silvestri (1991).

CENTROCAMPISTI
Beghetto (1994); Bellemo (1995); Capezzani (1996); Castagnetti (1989); De Vitis (1992); Di Quinzio (1989); Gentile (1985); Lazzari (1993); Mora (1988); Posocco (1996).

ATTACCANTI
Cellini (1981); Ferri (1994); Finotto (1992); Germinale (1987); Zigoni (1991);

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0