Verso Pontedera con qualche grattacapo: Giani e Gasparetto in dubbio, De Vitis ancora in panchina?

In casa SPAL è davvero tanta la voglia di ingranare la quarta. I biancazzurri avranno la possibilità di farlo sabato pomeriggio, ma occhio a non correre troppo, il sintetico di Pontedera può regalare brutti scivoloni. A testimonianza del fatto che la SPAL si troverà contro una squadra ostica e difficile da affrontare, c’è l’ultimo turno di campionato, dove gli amaranto di mister Indiani hanno castigato a domicilio una squadra in salute come L’Aquila. La SPAL, dal canto suo, dovrà sicuramente fare la sua partita, prestando molta attenzione alla fase difensiva e mettendo nel rettangolo verde il solito magico cinismo, tipica caratteristica, dei suoi attaccanti. Dopo la partita amichevole benefica di ieri pomeriggio contro l’Adriese, terminata 5-0 per i biancazzurri, i ragazzi di mister Semplici hanno lavorato oggi pomeriggio al Centro di via Copparo, in un’atmosfera simil britannica viste le condizioni climatiche non propriamente di fine settembre.

Prima della seduta il tecnico spallino ha fatto il punto della situazione: “Abbiamo lavorato molto bene questa settimana, ci stiamo avvicinando al meglio alla partita. Anche l’amichevole giocata ieri è servita, è stata utile, per dare minuti nelle gambe anche a chi finora ha giocato meno”. Che partita sarà? “Sicuramente difficile anche perché si giocherà su un campo ostico, in sintetico, con loro molto abituati a fare le due fasi di gioco su quel terreno. Il Pontedera è una squadra ben organizzata con un ottimo allenatore. La nostra volontà, come sempre, sarà quella di andare là con grande umiltà per cercare di fare una buona partita e continuare il nostro buon momento. L’allenatore spallino ha poi aggiunto un particolare: “Vedendo anche i risultati dell’anno scorso si può dire che il Pontedera sia la nostra bestia nera, per cui vogliamo sfatare anche questa cosa: per farlo servirà una partita intelligente e di grande attenzione”.

Semplici però si trova davanti alcuni problemi di formazione. Giani, Ferri e Gasparetto sono in fortissimo dubbio e solo nelle ultime ore verrà presa la decisione sulla loro partecipazione alla trasferta. Le sensazioni attuali sembrano negative. Anche Mora e Di Quinzio purtroppo non sono al top della condizione, sopratutto il centrocampista che si porta dietro un problema fisico fin dal ritiro estivo. Si va verso un ballottaggio Bellemo-De Vitis? “Ho diverse idee in mente, anche Spighi sta bene. De Vitis ha bisogno di giocare per arrivare a una condizione migliore, il ragazzo ha grande voglia, sta crescendo, bisogna anche un pochino trattenerlo perché va preservato e inserito con calma. Vedremo”. Davanti sembra essere certo della maglia da titolare solo Cellini. Zigoni e Finotto attendono la scelta dell’allenatore per la restante casacca:”Tutti mi danno disponibilità e garanzie per cui deciderò partita per partita così come nei restanti reparti: sono felice perché quotidianamente tutti mi mettono in difficoltà nel fare la formazione”. Nel pomeriggio di domani la partenza con direzione Pontedera.

PROBABILE FORMAZIONE SPAL (532)

Branduani; Lazzari, Silvestri, Cottafava, Ceccaroni, Mora; Bellemo, Castagnetti, Di Quinzio; Zigoni (Finotto), Cellini.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0