La difesa lavora bene, Cottafava può reclamare per il gol. In attacco si paga la poca lucidità

La SPAL conferma la sua solidità difensiva, con il terzetto dietro che sbaglia poco o nulla. Finotto e Cellini si mettono in mostra un tempo a testa. Castagnetti in ombra.

BRANDUANI 6 – Un po’ incerto su un’uscita nel primo tempo, per il resto vive un pomeriggio abbastanza noioso. Non avrebbe potuto nulla sul diagonale di Bonazzoli sul quale è stato salvato dal palo.

SILVESTRI 6.5 – Ottima prestazione, il Siena dalla sua parte non passa mai. Esce per stanchezza. (dal 43′ s.t. Ceccaroni s.v.)

GASPARETTO 6.5 – Una sola sbavatura nella ripresa, con un fallo sulla linea del fallo laterale che gli costa il cartellino giallo. Per il resto è sempre concentrato e non sfigura nemmeno in fase di impostazione.

COTTAFAVA 7 – Vince il duello fisico con Bonazzoli che, nell’unica occasione in cui si libera, lo fa probabilmente con un fallo. Riesce sempre a dare sicurezza ai compagni di reparto, e nel finale di primo tempo segna pure, ma l’arbitro annulla per presunto fallo di Silvestri sul portiere.

CASTAGNETTI 5.5 – Si vede solo dopo nove minuti, con un lancio di prima che mette Finotto davanti al portiere. Per il resto è spesso fuori dal gioco, complice anche la marcatura a uomo di Mendicino.

BEGHETTO 6 – Sembra dover nascere dal suo sinistro il possibile gol della SPAL, ma nonostante i diversi tentativi, sia con i cross sia su punizione, oggi non aggiunge l’assist alle sue statistiche. Non si risparmia mai avanti e indietro sulla fascia.

LAZZARI 6 – Come il suo collega sul lato opposto dal punto di vista del dinamismo e della generosità, ma con i cross è molto meno preciso.

MORA 6.5 – Cerca di integrarsi come meglio può in ruolo non suo, inizialmente allargandosi per creare un due contro uno sull’esterno. Nella ripresa gioca più centralmente e prima serve una palla gol a Cellini. Poi ci prova sia dalla distanza che da due passi.

CELLINI 6.5 – Esce alla distanza, dopo i primi venti minuti in cui non si era praticamente mai visto. Ha anche un paio di occasioni, ma oggi non era giornata.

DI QUINZIO 6 – Nel primo tempo è uno dei migliori, con le sue solite accelerazioni che sembrano poter spaccare la partita. Nella ripresa però è evidentemente molto stanco e, piano piano, esce dal gioco. (dal 37′ s.t. Zigoni s.v.)

FINOTTO 5.5 – Primo tempo di grande livello, in cui mostra qualità davanti e una grande generosità in fase difensiva, con almeno due ottimi recuperi. Fallisce la sua prima e unica palla-gol dopo appena dieci minuti. Nella ripresa paga la stanchezza.

SEMPLICI 6 – SPAL messa bene in campo inizialmente, con Mora che disputa una buona partita nell’inedito ruolo di centrocampista centrale. Se gli si può fare un appunto, forse tarda con i cambi, dato che Di Quinzio e Finotto davano vistosi segnali di stanchezza da inizio secondo tempo.

Siena (352): Montipò 7; Celiento 6,5, Portanova 6, D’Ambrosio 5,5; Avogadri 6, Sacilotto 6, Burrai 6,5, Bastoni 5,5 (dal 18′ s.t. Opiela 6), Masullo 5,5; Mendicino 5,5 (dal 44′ s.t. Piredda s.v.), Bonazzoli 6,5. A disp.: Bindi, Yamga, Libertazzi, La Vista, Torelli, De Feo, Silvestri, Ficagna, Boron, Paramatti. All.: Atzori 6.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0