Juric chiede concentrazione al suo Genoa: SPAL squadra solida, non dobbiamo vincere per forza

Il Genoa, reduce dalla sconfitta di misura contro il Napoli, è pronto per l’undicesima giornata di Serie A. Il club del grifone affronterà la SPAL al Mazza domenica pomeriggio alle 15,00 e il mister rossoblu Ivan Juric in conferenza stampa ha esternato una certa diffidenza nei confronti dell’impegno che attende la sua squadra. Gli estensi – un punto nelle ultime otto partite – devono vincere per prendere un po’ di ossigeno, ma il tecnico croato dei rossoblu ha le idee chiare e sembra intenzionato a voler confermare il classico 11 delle ultime settimane (3-4-2-1). Questi i ballottaggi da sciogliere: Galabinov-Lapadula davanti, e Rosi-Lazovic sulla fascia destra, coi primi in vantaggio. Chance per Omeonga a centrocampo qualora non venga rischiato l’affaticato Veloso. Centurion ancora escluso.

Juric nella consueta conferenza stampa di vigilia ha sottolineato che sarà un match impegnativo non privo di insidie: “Da parecchio tempo le nostre prestazioni sono positive, vogliamo fare punti. La Spal è una squadra organizzata, ha un suo stile di gioco dovuto al fatto che hanno stessi giocatori e stesso allenatore da anni. Sottovalutarla sarebbe un errore, soprattutto a Ferrara. Hanno anche individualità interessanti, sanno chiudersi bene e davanti hanno qualità: Borriello, Paloschi, Antenucci sono attaccanti pericolosi”.

Prima la Spal, poi il derby con la Sampdoria, ma la testa deve essere obbligatoriamente a Ferrara, come sottolinea Juric in un altro passaggio della conferenza stampa: “Non penso al derby sinceramente, penso alla Spal. La classifica non ci deve condizionare, quando vedo i miei giocatori so che abbiamo qualità per fare buoni risultati”. La partita di mercoledì con il Napoli ha lasciato delle sensazioni positive nonostante la sconfitta. La classifica però langue, ma Juric non è preoccupato: “Penso che la squadra abbia raccolto poco rispetto alle prestazioni fornite sul campo, sappiamo che la classifica non è positiva ma abbiamo le carte in regola per risalire. Domenica non è obbligatorio vincere”.

Chiaro quindi il messaggio lanciato da Ivan Juric alla vigilia della trasferta di Ferrara. Contro la SPAL, dietro un solo punto in classifica, il Genoa vuole ripartire dopo la sconfitta in settimana con il Napoli. Le statistiche parlano chiaro: sono 18 i precedenti in Serie A tra i due club, risalenti al periodo tra il 1953/54 ed il 1963/64: sei vittorie per la SPAL, cinque per il Genoa, sette pareggi. Tra le curiosità il Genoa è il bersaglio preferito di Alberto Paloschi: otto gol in nove sfide per l’ex di giornata insieme a Borriello, almeno il doppio di quanti segnati contro ogni altra squadra nel massimo campionato.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0