Buoni e cattivi: SPAL da primi posti per la correttezza del proprio pubblico

Buoni fuori, un pochino meno in campo. Prima di mandare definitivamente in archivio la stagione 2017-2018 la Lega di Serie A ha stilato le classifiche dei buoni e dei cattivi, sia per quanto concerne la Coppa Disciplina (relativa alle squadre) sia per Trofeo Fair-PlayGaetano Scirea” che prende in esame il comportamento delle tifoserie.

Per quanto riguarda la prima, i biancazzurri si sono piazzati poco sotto metà classifica, al 12° posto, malgrado il primato di 98 ammonizioni complessive in coabitazione col Bologna. A pesare sul coefficiente di ciascuna squadra ci sono anche le sanzioni per perdite di tempo o quelle comminate a dirigenti e componenti dello staff. A dominare la classifica dei cattivi sono Hellas Verona, Roma, Napoli e Inter. Invece Udinese, Chievo e Sampdoria sono risultate le più buone.

 

 

 

 

Nel trofeo Fair-Play invece la SPAL è tra le prime della classe grazie alla correttezza del proprio pubblico: ci sono infatti solo quattro squadre (Cagliari, Chievo, Sassuolo, Udinese) davanti ai biancazzurri, che pagano qualche richiamo per l’accensione di fumogeni e cori contro gli arbitri. Un altro bel riconoscimento per il club.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0