Semplici torna dall’Umbria con qualche pensiero: Dobbiamo crescere in termini di mentalità

La SPAL termina il suo ciclo di amichevoli estive con uno 0-0 che non rimarrà sicuramente nella memoria dei tifosi accorsi al “Curi” in questo mercoledì sera di inizio agosto. Un risultato figlio anche di una prestazione abbastanza a freno a mano tirato, come sottolineato al termine della partita dalla stesso Leonardo Semplici, che non ha mancato di tirare le orecchie ai suoi: “Concludiamo questo ciclo di amichevoli con una partita che è stata abbastanza dura dal punto di vista fisico, anche a causa del campo molto pesante. Qualcuno ha fatto bene, qualcuno meno, non mi è piaciuto molto l’aspetto mentale, che prescinde dalla prestazione. Per noi è qualcosa di determinante, infatti mentre nel primo tempo abbiamo sbagliato alcune cose, nel secondo tempo le abbiamo fatte meglio. Nonostante non sia stata la nostra miglior partita, questa serata permetterà al gruppo di crescere sotto il profilo della mentalità, perché le cose vanno dimostrate sul campo, non basta avere di fronte una squadra di una categoria inferiore per vincere. I ragazzi sotto certi aspetti hanno fatto quello che chiedevo, mentre su altro c’è da migliorare. Ora dobbiamo guardare avanti, facendo tesoro di tutto per essere pronti domenica quando a La Spezia si farà sul serio. Ho cercato di dare minutaggio a tutti, impiegando anche chi aveva giocato meno fino ad ora e sono soddisfatto, anche perché nessuno ha avuto problemi fisici. Non abbiamo preso gol per la prima volta in questo precampionato, ma qualche occasione l’abbiamo concessa e la colpa non è solo dei difensori, ma di tutta la fase di non possesso, in cui dobbiamo essere più concentrati. Su Salamon vicino al Frosinone dovete chiedere a Vagnati e alla società; noi sappiamo che mancano diversi giocatori per completare la squadra, ma la società sta lavorando per colmare le lacune da qui alla fine del mercato. A livello di nomi accostati al Perugia posso dire che mentre Cremonesi è in uscita, Floccari è un ragazzo a cui teniamo molto sotto l’aspetto tecnico e morale, quindi è sicuramente confermato”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0