Il post-partita di Perugia-SPAL riserva il passaggio in sala stampa di due degli esterni biancazzurri, Lorenzo Dickmann e Filippo Costa.

LORENZO DICKMANN
“Era l’ultimo test in vista della prima ufficiale di Coppa Italia, per cercare di arrivarci nel migliore dei modi. È stato una gara equilibrata, su un campo pesante. Dal punto di vista personale mi sono integrato molto bene in un gruppo incredibile che mi ha messo subito a mio agio, fatto di ragazzi che sono sempre pronti a dare una mano. Nessuno giudica se sbagli, quindi posso solo esser contento, cercando di migliorarmi insieme a loro. Rispetto a Novara la differenza principale è che si gioca molto di più il pallone, mentre in serie B si punta molto più sul pressing. Sicuramente qui negli ultimi venticinque metri devi stare attento a tutto, perché una palla sbagliata può penalizzarti notevolmente. Con Manuel abbiamo legato tanto, è un ragazzo molto bravo da cui posso imparare e, a prescindere da chi gioca, lottiamo tutti per un unico obiettivo. Domenica conterà il risultato e non dobbiamo sbagliare”. 

FILIPPO COSTA
Abbiamo finito questo periodo di preparazione dove i carichi di lavoro si fanno sentire. Le gambe piano piano iniziano a girare sempre di più. Ora c’è la prima partita importante a La Spezia in Coppa Italia dove dovremo partire subito col piede giusto. Fa piacere ritrovare Luca (Mora) e Nicolas (Giani), lo Spezia è una buona squadra, anche quando l’abbiamo incontrata in serie B è stato difficile giocarci contro. Dovremo affrontare bene la partita per portare a casa la vittoria. Quella di stasera non è stata una bellissima gara, il campo non ci ha aiutato, perché era molto pesante, ma questa non deve essere una scusante. Il Perugia è una buona squadra, ma adesso pensiamo già allo Spezia. Il bilancio di questa prima parte della stagione non tocca a me farlo, ma al mister. Posso dire che abbiamo lavorato bene in ritiro, si è creato un bel gruppo come da tre anni a questa parte. Dobbiamo restare uniti e remare tutti nella stessa direzione. Il dualismo con Fares? Come l’anno scorso ci sarà sempre competizione. Siamo in serie A ed è giusto che ci siano due titolari per ogni ruolo. Io farò del mio meglio per mettermi a disposizione del mister poi sarà lui a decidere”.



Leaderboard Derby 2019