Per Cionek si è rivisto lo spirito di SPAL-Atalanta: Abbiamo creato, ma siamo stati puniti

La prova di Thiago Cionek contro l’Inter è stata senz’altro solida, al netto di un paio di momenti critici. Il centrale brasiliano naturalizzato polacco analizza così il match del Mazza: “Abbiamo ripetuto la prestazione contro l’Atalanta, che è stata una dimostrazione di grande intensità e spirito di sacrificio. Abbiamo messo in campo le nostre convinzioni ed è veramente un peccato aver perso, soprattutto dopo essere riusciti temporaneamente a pareggiare: è stato difficilissimo arrivare al gol, nonostante le tante occasioni che abbiamo creato. Ma il calcio è questo: davanti avevamo l’Inter che è in un momento di gran forma, e Icardi che è un calciatore di grandissime qualità, uno di quelli che appena hanno una chance per segnare la butta dentro. Adesso arriva la sosta, sarà un’ottima occasione per mettere la testa in ordine per poi ripartire al massimo. Stasera la prestazione c’è stata, abbiamo fatto quello che ci chiede il mister: intensità, possesso palla, aggressione, abbiamo creato tantissimo e non aver realizzato abbastanza crea un rammarico molto grande. Durante la settimana in allenamento proviamo a fare certi movimenti, anche in base alle analisi delle partite da parte dello staff tecnico e stasera siamo riusciti a uscire da dietro tante volte a creare situazioni per arrivare palla al piede alla loro area. Sono cose che il mister chiede e noi proviamo a mettere in campo. Dalla mia parte, a destra, le grandi qualità di Lazzari e Missiroli sono venute fuori alla grande. Da qui ripartiamo perché il campionato è ancora lungo. Sul 2-1 non credo sia stato sbagliato il movimento del fuorigioco: siamo usciti in aggressione su Perisic, ma non siamo riusciti a stringere in tempo e seguire il taglio di Icardi. Gli errori ci stanno, soprattutto contro un’Inter che va in pressione massima. Quando dalla difesa si cerca di impostare il gioco un rischio si paga, ma se riusciamo a uscire capita che arriviamo davanti alla loro porta. Continuiamo su questa strada: gli errori ci spingono a migliorare e stasera abbiamo dimostrato tante cose buone, come avevamo già fatto nella partita con l’Atalanta e in parte anche con la Sampdoria”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0