Dieci anni dopo, riecco Doveri al Paolo Mazza: con lui solo pareggi nei vari precedenti

Faccia pure tutti gli scongiuri del caso, ma pare proprio che per l’arbitro Daniele Doveri sia finalmente arrivato il momento di arbitrare una partita della SPAL a Ferrara. Il fischietto di Volterra, appartenente alla sezione di Roma1, finora ha incontrato i biancazzurri in quattro occasioni, ma nell’unica apparizione al “Paolo Mazza” non riuscì a completare l’incontro a causa di un infortunio muscolare. Accadde nel settembre 2008 in occasione di SPAL-Cremonese di Prima Divisione. Sulle due panchine sedevano Aldo Dolcetti e Ivo Iaconi. La partita venne interrotta al 19′ del primo tempo per rimanere in sospeso otto minuti e poi essere recuperata dieci giorni dopo con un altro direttore di gara. Peraltro in quella occasione a soccorrere l’arbitro fu la dottoressa Raffaella Giagnorio, che anche oggi è il medico sociale dei biancazzurri.

Il pareggio è il filo conduttore della storia di Doveri con la SPAL: oltre al temporaneo 0-0 di quello sfortunato match, i precedenti parlano esclusivamente di segni “X” in qualunque categoria. 0-0 sul campo del Padova in quello stesso campionato (sotto una pioggia torrenziale), quindi i due pari con Udinese (1-1) e Sassuolo (1-1) nella scorsa stagione di serie A. In particolare la direzione del “Mapei Stadium” fece parecchio discutere a causa dei due rigori assegnati al Sassuolo e a diversi altri episodi controversi, sempre sotto l’acqua.

Sabato a Ferrara l’arbitro Doveri sarà accompagnato dai guardalinee Carbone e Colarossi, dal quarto uomo Fourneau e dai VAR Banti e Valeriani. Dieci anni fa non c’era nessuno autorizzato a poterlo rimpiazzare per via di quella disavventura: stavolta sembra quasi esserci l’imbarazzo della scelta.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0