Nonostante la pressione dell’esordio casalingo e la presenza di una avversaria di primissima fascia come Lucca, la Mobyt non stecca davanti ai suoi 1.500 tifosi presenti in un PalaMit2B calorosissimo, grazie a un’ottima prova offensiva dei singoli e una dignitosa difesa di squadra.

La partenza è fulminante, dopo un 8-0 firmato Benfatto-Ferri-Spizzichini  sono i lucchesi a trovare i primi punti della partita con Conger che fa 2/2 in lunetta. Lucca è completamente in palla, Benfatto è un fattore in difesa e da una sua stoppata Mays inventa un assist, per Jennings, che costringe coach Russo a spendere il primo timeout. La reazione degli ospiti non si fa attendere, e dopo qualche errore di troppo degli esterni biancoazzurri, Valenti, Deloach e “White Chocolate” Parenti ricuciono lo strappo. Il primo parziale si chiude quindi con Ferrara avanti di una sola lunghezza.

Nel secondo entrano Infanti, Casadei, Benfatto e Mays, mentre Ferri lascia il posto a Bottioni. Si gioca punto a punto, ai canestri di Benfatto risponde, di volta in volta, un monumentale Valenti. Ci prova anche Jennings, subentrato a Casadei,  con un recupero e la conseguente schiacciata in contropiede a far scappare la Mobyt, ma gli ospiti pungono in contropiede dove Ferrara non sembra essere brillantissima nelle chiusure. Mays, però, sul finire del periodo si accende, senza mai forzare, inventa per se e per i compagni, mette in ritmo Jennings con due ottimi assist, e porta i suoi all’intervallo sul 37-30.

Si ritorna in campo e la musica non cambia: Benfatto e Jennings  danno grandissima sostanza e continuità ad un attacco che sta sopravvivendo senza il tiro da tre. Gli esterni non sono particolarmente in forma, Ferri e Infanti sbagliano qualche tiro aperto, e Spizzichini dopo un buon inizio sembra un po’ in confusione. Mays invece è una costante, Parente e Deloach non sono in grado di contenerlo sul primo passo: ogni volta riesce a entrare in area per un buon tiro o uno scarico sui lunghi. La partita è in discesa col punteggio che si ferma sul  59-49 alla terza sirena.

L’ultimo quarto sembra non riservare nulla di nuovo, con i ferraresi decisi nella ricerca paziente di un tiro da sotto e i lucchesi sulle larghe spalle di Valenti, unico veramente in ritmo dei suoi. Con un arresto e tiro dell’ottimo Mays a quattro dalla fine (+7) la Mobyt è in chiaro controllo della partita. Panzini non la pensa così e nell’azione successiva decide di iscriversi a referto con un insensata tripla dai nove metri e porta i suoi a quattro lunghezze dai ferraresi. I ragazzi di coach Furlani non reagiscono e dopo due azioni il punteggio è in parità. L’inerzia è tutta di Lucca, un intangibile (fino a quel momento) Parenti trova il massimo vantaggio tirando da tre in faccia a Jennings, ma fortunatamente Benfatto pareggia subito  sgomitando sotto canestro. A 1:52 dal termine Parente si emoziona e sbaglia entrambi i liberi sul 72 pari, Mays ringrazia, e dall’altra parte del campo fa esplodere il PalaMIT2B con una tripla che vale la prima vittoria in campionato. Valente sugli sviluppi dell’azione seguente sbaglia un libero, e Parente non segna l’ultima preghiera dei toscani: +2 Ferrara e altrettanti punti in saccoccia. Inizio migliore non ci poteva essere, con la giusta dose di sofferenza.

MOBYT FERRARA – LUCCA 75-73

PARZIALI: (16-15); (37-30); (59-49); (75-73)

MOBYT FERRARA: Bottioni 2, Spizzichini 2, Ferri 2, Casadei 4, Infanti 2, Benfatto 22, Andreaus, Pipitone, Jennings 20, Mays 21  All.: Adriano Furlani

LUCCA: Deloach 10, Panzini 3, Sgobba, Valenti 24, Santarossa 4, Motta, Banti 4, Parente 11, Conger 17, Di Giacomo,  All.: Roberto Russo



Leaderboard Derby 2019