A Firenze la Mobyt non spreca l’opportunità di portarsi a otto punti e di tenere il passo col gruppo di testa composto da Omegna, Ravenna, Roseto e Chieti. I biancazzurri hanno battuto a domicilio l’Enegan per 73-58 confermando gli ottimi segnali fatti vedere nelle due precedenti e vittoriose uscite contro Torrevento e Moncada.

Reduci dall’ottima prestazione casalinga contro Agrigento, si parte con Ferri, Casadei, Spizzichini, Benfatto e Mays in quintetto base; risponde Firenze con Swanston, Simoncelli, Wood, Castelli, e il capitano, Pazzi. La partita inizia sull’asse Ferri-Benfatto e prosegue con Mays, autore di sette punti nel primo quarto di gioco. Il resto lo fa la difesa, capace di concedere solo nove punti al confusionario attacco fiorentino. La Mobyt marchia i primi dieci minuti di partita con un perentorio 9-19 e una supremazia schiacciante alla voce rimbalzi. Oltre alla guardia da Kentucky e al centro da Padova, per Ferrara, si iscrivono subito a referto anche Casadei, Spizzichini, Ferri, e soprattutto Bottioni che, servito da un geniale scarico di Mays, trova (subendo fallo) l’ultimo canestro del quarto.

Nel secondo parziale la Mobyt è più confusionaria in attacco e più slegata in difesa; i cambi, Bottioni e Jennings, subentrati a Ferri e Casadei, non sembrano poter dare la stessa lucidità sui due lati del campo. Il gioco inizia a latitare e dopo quattro minuti Furlani decide di cambiare le carte in tavola rimettendo capitan Ferri in cabina di regia e sostituendo l’americano col giovane Pipitone, che ripagherà la fiducia del coach con quattro punti e un ottimo rimbalzo difensivo. Sul finire del periodo succede di tutto: la Mobyt che si era stabilizzata sul +12 si ritrova a tirare due liberi per un fallo tecnico di Swanston, Ferri(quarto in campionato per percentuale dalla lunetta) sbaglia entrambi i tentativi e appena la palla torna in gioco Spizzichini si fa ingenuamente fischiare un antisportivo. Wood non fa sconti e accorcia a meno dieci. Poi Andreaus, Wood e Pazzi portano il punteggio sul 28-37 all’intervallo lungo.

Al ritorno in campo dopo la pausa, Ferrara è decisamente meno libertina in difesa, costringe Firenze a forzare due tiri sulla sirena dei 24”, mentre in attacco Casadei segna il settimo punto della sua partita e dopo soli tre minuti costringe coach Giordani a chiamare time-out sul 28-41. Time-out dal quale l’Enegan esce benissimo. Wood, Pazzi e Swanson segnano un buon 6-0 di parziale, ma Spizzichini e Mays sono freddissimi nel riportare l’inerzia dalla parte della Mobyt e nel provocare il quarto fallo di Conti che deve uscire. Entra Fontani e debutta in campo con un infrazione di passi e un tiraccio che tocca a malapena il ferro. Ferrara ritorna sul +11 con Ferri, mentre i toscani sono tutti sulle spalle di un grande Pazzi (che chiuderà con 21 punti).

Sembra che la partita si debba concludere con Firenze incapace di ricucire lo strappo costruito da Ferrara nel primo quarto, ma a sei minuti dal termine, Wood e Swanson riportano la Enegan a soli due  possessi di svantaggio: Furlani chiama il minuto, la difesa estense si chiude, e per quasi tre minuti nessuno segna. Ci penserà poi Infanti, come a Corato, a chiudere la partita segnando cinque punti tanto importanti quanto pesanti. La partita si finisce sul 58-73, la Mobyt non concede ai padroni di casa di oltrepassare quota sessanta difendendo duro fino alla sirena. I giocatori in doppia cifra sono quattro (Casadei, Benfatto, Mays e Infanti) mentre sono dieci (tutti) quelli iscritti a referto. L’MVP di serata è il gruppo, che consegna ai ferraresi il primo posto e una striscia aperta di tre vittorie, da non interrompere domenica in un PalaMit2B che si preannuncia gremito.

ENEGAN FIRENZE-MOBYT FERRARA 58- 73

(parziali: 9-19; 19-18; 17-18; 13-18)

Mobyt Ferrara: Bottioni 4, Spizzichini 7, Ferri 7, Casadei 12, Infanti 10, Benfatto 10, Andreaus 2, Pipitone 4, Jennings 3, Mays 14. Allenatore: Furlani.

Enegan Firenze: Swanston 8, Cucco, Simoncelli 7, Pazzi 21, Severini 5, Conti 4, Wood 13, Castelli, Fontani, Schiano. Allenatore: Giordani

GLI ALTRI RISULTATI DELLA 6^ GIORNATA
Paffoni Omegna-Acmar Ravenna 89-70
Remer Treviglio-Dinamica Mantova 69-72
Liomatic Group Bari-Viola Reggio Calabria 95-77
Bawer Matera-Arcanthea Lucca 78-90
Basket Recanati-Torrevento BNB 98-96
Modus FM Roseto-Assigeco Casalpusterlengo 76-66
Proger Chieti-Moncada Agrigento 80-77



Leaderboard Derby 2019