VIRTUS VECOMP VERONA-SPAL 1-2 (0-2)

VIRTUS VECOMP VERONA (442): Paleari; Trainotti, Allegrini, Frendo, Cosner (dal 35′ s.t. Caridi); Santuari (dal 15′ s.t. Scapini), Lechthaler, Mazzetto (dal 27′ s.t. Lallo), Conti; Mensah, Odogwu. A disp.: Favaro, Rizzi, Peroni, Pagan. All.: L. Fresco.
SPAL (343): Menegatti; Paloni, Buscaroli (dal 25′ s.t. Cenerini), Silvestri; Lazzari, Capellupo, Landi, Fantoni; Personè (dal 30′ s.t. Banzato), Varricchio (dal 46′ s.t. Pandiani), Cozzolino. A disp.: Coletta, Panizzi, Rosseti, Braiati. All.: M. Gadda.

ARBITRO: Lanza di Nichelino (Assistenti: Donvito e Marques).
MARCATORI: 31′ p.t. Varricchio (S), 44′ p.t. Varricchio (S) e 23′ s.t. Scapini (V).
AMMONITI: Odogwu (V), Conti (V), Lazzari (S) e Lallo (V).
NOTE: cielo sereno, nebbia nella ripresa, temperatura non fredda, terreno spelacchiato. Spettatori: 500 circa, un centinaio dei quali provenienti da Ferrara.
Angoli: 5 a 5. Recupero: pt 0′ e st 3′.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA DIRETTA TESTUALE DELL’INCONTRO

IMG_5709

LEGNAGO – Nel freddo siberiano della pianura veneta la Spal porta a casa tre punti molto utili, che fanno bene alla classifica ed esaltano il morale in attesa della prossima sfida casalinga con il Mantova. Prima vittoria in trasferta per la formazione di Massimo Gadda che torna a contare su Capellupo, schierato dal primo minuto tra i quattro di centrocampo, e conferma un grande Varricchio, alla sua quarta doppietta stagionale, e un grande Lazzari, giocatore di altissima qualità. La Spal parte bene e impatta la partita da subito, al quarto minuto una grande cavalcata di Lazzari che gioca la palla in verticale per Cozzolino in posizione d’oro che subito conclude, ma è bravo Palelari a deviare in calcio d’angolo. Subito dopo, al settimo minuto  traversone di Personé, Varricchio manca di poco il tacco al volo, e la sfera arriva a Cozzolino, che scarica su Fantoni per il cross, la palla carambola su Landi che prova la conclusione. Un uno due iniziale che lascia la Virtus intontita e incapace di abbozzare una vera reazione, mentre la partita si fa frizzante, e condotta nettamente dalla sola Spal, anche se giocata per lo più a centro campo e con poche azioni veramente micidiali.

Al quattordicesimo una punizione di Fantoni da posizione defilata, sembra una palla da mettere in mezzo, ma la parabola invece cerca la porta e Paleari deve impegnarsi per rifugiarsi in angolo ed evitare la rete. Nel Frattempo Lazzari si scatena sulla fascia e fa strage di avversari. Al ventitreesimo  cross suo per Personé che tenta l’acrobazia in rovesciata, ma il risultato non è pericoloso, e ancora dai piedi dell’esterno parte al trentesimo l’azione del vantaggio spallino. Lazzari lancia Landi sul fondo con tocco delizioso, il quale mette in mezzo per  Varricchio di rincorsa che non sbaglia. Uno a zero. v.verona - spal_0292La reazione della squadra di casa arriva dopo due minuti, cercando Odogwu in area. L’attaccante si muove bene, ma controlla la sfera con un braccio e per lui c’è il cartellino giallo. La partita prosegue a ritmo abbastanza elevato, qualche occasione ma nessun rischio concreto, ma proprio quando ci si avvia verso il doppio fischio arriva il gol del raddoppio Spallino. Punizione di Fantoni che finisce in una mischia nell’area della Virtus, serie di batti e ribatti e infine il pallone rotola fuori dal mucchio verso Varricchio che è sempre dove deve stare, e con tutta la calma e la freddezza di questo mondo tocca la sfera di piatto nell’unico spazio libero, mandando le squadre negli spogliatoi sul due a zero. La ripresa inizia all’insegna della reazione veronese e della nebbia. Ritmo d’assalto per la squadra di casa fin dal fischio d’inizio, e al quattordicesimo Lazzari commette un’ingenuità sul bel movimento di Mensah, che prende palla in direzione di Menegatti. L’esterno biancoazzurro cadendo deve ricorrere al fallo tattico per scongiurare la minaccio, e il giallo non tarda ad arrivare. Appena quattro minuti più tardi ancora Mensah lanciato in area prova la botta, ma la palla va di poco sopra la traversa, e al ventitreesimo arriva il gol che accorcia le distanze per la Virtus. Sugli sviluppi di un cross di Cosner, ex di giornata, la palla carambola tra i piedi del neo entrato Scapini, altro ex di giornata, che in qualche modo la mette dentro.

Passano altri due minuti e Buscaroli si accascia a terra durante un’azione per il riacutizzarsi di problemi muscolari che già lamentava nei giorni scorsi, ma che aveva provato a superare stringendo i denti. Viene condotto fuori a braccia dai sanitari e sostituito con Cenerini.  v.verona - spal_0232Siamo a metà del secondo tempo, e la fiammata del Verona si affievolisce mentre sul campo inizia a calare una fitta nebbia. Si gioca e si vede sempre di meno, e in tutti i cuori biancoazzurri presenti al “Sandrini” riaffiorano i fantasmi brianzoli di Renate-Spal, partita quasi vinta e sospesa per cause di forza maggiore. Ma i minuti passano, e nonostante tutto il signor Lanza da Nichelino ritiene che sussistano le condizioni per continuare, e così si arriva agli ultimi minuti, quando la Virtus sfodera un forcing finale che impegna Menegatti in due occasioni, trovandolo però sempre attento e pronto. Tre minuti di recupero e poi i tre fischi che consegnano alla Spal una vittoria meritata e di grande morale, che fa iniziare al meglio la strada verso l’ultima partita in casa prima della sosta natalizia.



Leaderboard Derby 2019