Lunga sfilata in sala stampa nel post partita di SPAL-Forlì. Ecco riassunti in pillole tutti gli interventi dei protagonisti di serata.

Oscar BREVI (allenatore SPAL)
“Buona la prima. Siamo stati bravi e la vittoria ci rende soddisfatti. Ci aspettavamo delle difficoltà, soprattutto nel finale visti i carichi di lavoro, però continuiamo nel nostro percorso di crescita. Bene l’intesa Germinale-Fioretti, anche perché si conoscono da tempo, in mezzo al campo invece ci è mancato qualcosa a livello di palleggio. Ma d’altronde non sono le caratteristiche richieste ai giocatori che sono scesi in campo oggi. Abbiamo dovuto sviluppare l’azione sugli esterni perché avevamo più giocatori in quella zona del terreno di gioco, però per far bene, dobbiamo migliorare in fase di costruzione. Miglietta? Avevo convocato il giocatore che poi non è sceso in campo perché mi ha detto di non sentirsi ancora bene. Fin quando farà parte di questa squadra io lo riterrò a disposizione. Poi non sta a me decidere se debba rimanere o andare. Bene Giani come capitano, la linea difensiva ha concesso poco. Il Forlì aveva già una gara ufficiale nelle gambe e in questo periodo vuol dire tanto. Noi questa settimana abbiamo lavorato tanto non solo per far bene in Coppa, ma soprattutto per farci trovar pronti all’inizio del campionato. Sapevamo di dover soffrire nel finale e ho visto una squadra che ha saputo difendere il risultato a denti stretti. E’ questo è un segnale positivo. Il pubblico? Eccezionale. 1.600 spettatori a Ferragosto non si vedono in tutti gli stadi. Può essere fondamentale l’apporto dei tifosi”.

Nicolas GIANI (capitano della SPAL)
“Sono contento per questa partita. Abbiamo rischiato poco. Era importante iniziare bene la stagione e per la difesa iniziare senza subire gol fa morale. Abbiamo dimostrato di essere una squadra capace di lottare. Dobbiamo migliorare in fase di costruzione del gioco. Ho visto un buon atteggiamento anche dai difensori più giovani. Nonostante i carichi di lavorio siamo riusciti a far una bella gara contro un buon avversario. I tifosi? Sono veramente l’arma in più. Speriamo con i risultati di portare altra gente allo stadio”.

Giordano FIORETTI (attaccante SPAL)
“Fare gol è importante perché è questo il mio mestiere, anche se nel complesso dobbiamo ancora migliorare tanto. Non abbiamo creato tanto ma i carichi di lavoro sono ancora pesanti, penso sia stata anche per questo una gara positiva. Vincere fa sempre bene e l’intesa con Domenico (Germinale ndr), migliora costantemente. Ma va segnalata una partita buona da parte di tutti per quello che ho visto io. Il pubblico? Mi aspettavo di più a dire la verità e sono convinto possa dare ancora di più. Ne abbiamo bisogno”.

Daniele GASPARETTO (difensore SPAL)
“Dobbiamo andare avanti a testa bassa. La partita è solo una tappa di avvicinamento a gare che si faranno sempre più importanti. Sono contento della mia prestazione ma anche di quella di tutta la squadra: con Giani abbiamo un buon affiatamento anche se dobbiamo stare più attenti perché in due occasioni ci siamo fatti cogliere di sorpresa e ancora non siamo bravi a sfruttare a dovere le palle inattive che nel calcio di oggi sono fondamentali. C’è tanto da fare ma voglio cogliere l’occasione per fare i miei complimenti a due ragazzi giovanissimi come Ferretti e Rosina che oggi hanno fatto una grande partita”.

Domenico GERMINALE (attaccante SPAL)
“Sono i nostri primi tre punti veri della stagione, normale essere contenti. Con Giordano non avevamo ancora fatto novanta minuti insieme ma direi che è andata bene. Ho sprecato un’occasione importante, è vero, con l’assist per il gol mi sono parzialmente rifatto, ero in debito, diciamo così. Facciamo ancora fatica, è normale, siamo appesantiti ma tra noi l’intesa cresce ogni giorno che passa. Il pubblico? Beh direi un’ottima risposta, è Ferragosto ma c’era tanta gente che ci ha sostenuto dall’inizio alla fine”.

a questo pezzo ha contribuito anche Diego Stocchi Carnevali



Leaderboard Derby 2019