La nota famiglia circense originaria del reggiano in questo caso non c’entra. Un Togni potrebbe arrivare presto in città, anche lui per intrattenere le folle, ma non sotto un tendone. Piuttosto con un pallone tra i piedi. E’ Romulo Eugenio Togni, centrocampista italo-brasiliano di 32 anni (li compirà il 9 settembre), l’uomo che con tutta probabilità riceverà le chiavi del centrocampo spallino dopo il burrascoso addio della SPAL a Criss Miglietta. Il regista ex Pescara (tra le altre) è balzato rapidamente in cima alle preferenze della dirigenza biancazzurra e i segnali positivi provenienti dal giocatore e dal suo procuratore hanno convinto il ds Vagnati ad accelerare le operazioni. Inoltre il contemporaneo ritorno di Simone Colombarini da un impegno di lavoro all’estero nella giornata di giovedì potrebbe imprimere alla trattativa la svolta decisiva.

Togni allo stato attuale è legato da un contratto fino a giugno 2016 all’Avellino ed è questo l’ostacolo più corposo verso un esito positivo dell’affare. Tuttavia il giocatore è ai margini della rosa di mister Rastelli, per cui è nell’interesse della società irpina trovargli una sistemazione altrove. Resta da capire se i biancoverdi intendano rescindere il contratto di Togni oppure cederlo in prestito, magari con un contributo sull’ingaggio. D’altra parte si parla di cifre che contrastano con la politica dei piccoli passi impostati dalla gestione Colombarini. La sensazione è che le parti possano venirsi incontro e trovare un’intesa a metà strada, le prossime ore saranno decisive.



Leaderboard Derby 2019