Al termine della gara tra San Marino e SPAL abbiamo raccolto le impressioni del mister spallino Oscar Brevi, del ds Davide Vagnati e del capitano dei biancazzurri Nicholas Giani.

OSCAR BREVI (allenatore SPAL)
“Di positivo oltre al passaggio del turno c’è che nel secondo tempo abbiamo messo in difficoltà il San Marino da situazioni di palla inattiva e li abbiamo costantemente nella loro metà campo, senza concedere nulla. E’ normale che in questo momento non siamo brillantissimi proprio per strutture fisiche che abbiamo all’interno della squadra. In un paio di situazioni potevamo sicuramente fare meglio. Togni? E’ un giocatore diverso da quelli che abbiamo in organico in questo momento, è un giocatore più tecnico. Ci mancava e sono contento che la SPAL l’abbia preso. Lui ha quello che alla squadra manca: un po’ di palleggio, un po’ di verticalizzazioni, un po’ di gestione diversa della palla. Sono convinto che ci darà una grossa mano sotto questo punto di vista. Miglietta aveva tutte e due le fasi e non eccelleva in una, Togni è molto più bravo a livello tecnico, forse anche a livello tattico. Fino a un anno fa giocava in serie A, potrà giocare nei due davanti alla difesa, l’ha già fatto a Sorrento, a Pescara l’anno di A quando facevano il 4231 e subentrò a Cristian Bucchi.”

DAVIDE VAGNATI (direttore sportivo SPAL)
“Primo tempo senza grande ritmo, poi nel secondo si sono alzati i ritmi e la partita è stata più gradevole. In questo periodo, ad agosto, non puoi avere partite estremamente spettacolari. A me fa particolarmente piacere aver passato il turno perché i ragazzi che durante il campionato giocano meno avranno la possibilità di far vedere all’allenatore che possono essere anche loro utilizzabili in una partita ufficiale, non solo negli allenamenti. Sereni? E’ un giocatore in uscita, come abbiamo detto. Valutiamo fino al primo di settembre eventuali possibilità (il ds ha confermato che la destinazione del terzino, oggi nemmeno convocato, sarà probabilmente la Torres, ndr). Togni? Ogni squadra ha bisogno di un giocatore in mezzo al campo che ha qualità e compiti di regia, noi avevamo un giocatore che non abbiamo più, abbiamo ovviamente preso un giocatore con quelle caratteristiche. Un giocatore del genere darà sicuramente una mano per quel che riguarda la manovra.”

NICHOLAS GIANI (capitano SPAL)
“Abbiamo fatto le prime due partite ufficiali senza subire gol e questo è già un dato importante. Anche oggi ho visto una squadra che ha dato l’anima, che ha lottato. Adesso miglioreremo sicuramente negli altri aspetti che magari ci mancano un po’ in questo momento, però lo spirito è quello giusto. Oggi era una partita particolare, il campo era molto scivoloso, loro venivano a pressarci molto alti. Oggi era una partita che doveva essere così. Nel secondo tempo il mister l’ha letta bene e ci ha detto di cercare di mettergli la palla alle spalle e giocare sulla seconda respinta per evitare il loro pressing. Ci saranno partite in cui si riuscirà a giocare meglio, a fare più spettacolo e altre dove bisognerà mettere il coltello fra i denti. Ora stiamo giocando con centrocampisti con caratteristiche diverse, ci saranno partite dove servirà di più uno che sa fare gioco, in altre più un “Gentile”. Da martedì iniziamo a preparare la partita di domenica, vogliamo farla bene, la prima in casa. Il Mazza può essere la nostra arma in più vogliamo dare subito una soddisfazione ai nostri tifosi. Il nuovo acquisto Togni? Sarà il benvenuto, lo accoglieremo nel migliore dei modi, speriamo che ci dia una mano importante per il nostro campionato. “



Leaderboard Derby 2019