La serata in terra sammarinese non ha riservato particolari emozioni per i tifosi spallini. La SPAL ha giocato una partita concreta, ma senza sussulti.

MENEGATTI 6 – Qualche sbavatura nel secondo tempo, compresa una smanacciata poco sicura, ma nel complesso la sua serata si è rivelata abbastanza tranquilla. La sufficienza piena se la merita per aver richiamato i compagni a salutare i tifosi subito dopo il fischio finale. Leader silenzioso.

FERRETTI 5.5 – In copertura se la cava abbastanza bene, nonostante dalla sua parte Bangura spinga con decisione. E’ piuttosto la fase di supporto che sembra non essere ancora nelle sue corde. L’emblema della sua partita e’ l’unica discesa degna di nota nel secondo tempo, terminata con un cross alla cieca per l’uomo invisibile.

LEGITTIMO 5.5 – Come Ferretti, non ha grosse difficolta’ a reggere sul piano difensivo, diciamo che per tenere abbottonata la corsia di sinistra va bene. Non supporta per nulla Di Quinzio, e cosi’ facendo la pericolosita’ della SPAL cala drasticamente.

GASPARETTO 6 – Senza infamia e senza lode. E’ il piu’ prestante dei ventidue in campo e sui calci piazzati, che siano in difesa o in attacco, fa valere il fisico. Sfiora il gol in un paio di occasioni, mentre in copertura commette qualche leggerezza per fortuna non sfruttata dal San Marino.

GIANI 6 – Il capitano sta affinando l’intesa con i compagni di reparto. Attento a non farsi cogliere in flagrante ma qualche imprecisione la commette pure lui. Ha il pregio di non perdere mai la calma, anche se il San Marino non gli ha dato grossi motivi di preoccupazione.

GENTILE 5.5 – Nervoso sin dai primi minuti, si fa ammonire per un fallo inutile nel primo tempo. Prova ad abbassarsi spesso per ricevere palla dai difensori, ma non ha i tempi necessari per sopperire all’assenza di un vero e proprio regista. Si sacrifica molto sopratutto per coprire Ferretti.

(dal 31′ s.t. BELLEMO – ng) – Entra quando la partita non ha più nulla da dire.

LANDI 5.5 – Il motorino biancazzurro fatica a entare in partita e pensa più a bisticciare con l’arbitro (permaloso) che a fare quello per cui è diventato uno dei beniamini della Curva Ovest. Il giallo iniziale lo frena, ma Brevi gli concede fiducia fino al fischio finale.

FILIPPINI 5.5 – Le punizioni sono tutte sue e le butta bene in mezzo all’area, ma ha sul groppone soprattutto un’occasionissima a tu per tu con Migani. Ne esce un pallonetto a metà, inutile ribadire l’esito.

DI QUINZIO 5.5 – Coinvolto poco, aiutato ancora meno. Però anche il buon Diqui avrebbe potuto fare di più. Sparisce alla distanza e a memoria non si ricorda un suo solo spunto per saltare il diretto marcatore. Non sono queste le partite che più contano, ma da lui la SPAL si aspetta un passo ben più tonico.

(dal 20′ s.t. FINOTTO 5.5) – Anche per lui minuti di scarsa qualità. Il passo è discreto ma viene imbrigliato bene dai difensori e dal guardalinee.

GERMINALE 6 – Un primo tempo da desaparecido. Poi prende le giuste misure alla partita, fa vedere buoni lanci e soprattutto un buon impegno. L’esperienza è dalla sua, deve ancora trovare la forma migliore ma per un giocatore della sua stazza è comprensibile. La strada intrapresa è quella giusta.

(dal 37′ s.t. LAZZARI ng) – Pochi minuti, pochi per giudicare, nonostante una buona cavalcata delle sue.

FIORETTI 5.5 – Lasciato là davanti a combattere contro i due centrali del San Marino e soprattutto contro la noia. Finisce inghiottito nell’anonima prestazione dell’intera squadra, ma se c’è da difendere il pallone e a dare qualche pacca in amicizia non si tira certamente indietro.

 all. BREVI 6 – Porta a casa la qualificazione con quattro punti in due partite. Nessun gol al passivo e solo uno all’attivo, segno che la filosofia breviana è già stata assimilata dalla squadra. Ora manca il gioco e qualche occasione da gol in più: la speranza è che l’inserimento di Togni possa innescare la scintilla.

San Marino
Migani 5.5; Farina 6; Bangura 6; Valeriani 5.5 (dal 17′ s.t. Soligo 5.5); Fogacci 6; Ferrero 6; Coto 6; Sensi 7.5; La Mantia 5.5 (dal 41′ s.t. Pesaresi ng); Poletti 6.5; Muntadas 5.5 (dal 36′ s.t. Miravent ng). All.: Covelo 6



Leaderboard Derby 2019