Determinata. Compatta. Quadrata. Ficcante e che sa soffrire. E’ questo il ritratto che ne esce della SPAL vista oggi al ‘Paolo Mazza’ che ha sconfitto con merito la Lucchese dell’ex Calistri. Mister Brevi, che deve rinunciare anche a Gasparetto oltre a Silvestri, per tutta la settimana prova la difesa a quattro con Giani finalmente recuperato ma, alla fine, a sorpresa, opta per non cambiare la linea a cinque e fa esordire Aldrovandi – buona la sua prova – al centro della difesa insieme a Capece e al capitano con Legittimo che scala terzino sinistro in luogo di Rosina rispetto alla vittoria di sette giorni fa contro l’Ascoli: e sarà una mossa decisiva. Davanti confermatissima la coppia Germinale-Fioretti. Solo panchia per Finotto, il match winner di sette giorni fa contro l’Ascoli.

I rossoneri di Pagliuca, che schierano al centro della difesa l’ex Calistri a far coppia con il ruvido Espeche, forti degli otto punti in cinque partite e della vittoria contro il Pontedera otto giorni fa, rispondono con il solito 4-3-3 e Ferretti, Santini e Biasci di punta oltre a tanto gioco ma altrettanta poca incisività che, alla fine, costeranno la partita.

I gol tutti nel primo tempo: al sedicesimo scambio Legittimo-Landi sulla corsia di sinistra, cross di quest’ultimo che beffa un incerto Risaliti e Ferretti, dalla parte opposta, in corsa, colpisce al volo lasciando a metà strada Nolè e Pantano e infila un incolpevole Casapieri. A due giri di lancette dalla chiusura della prima frazione, ancora un gran cross di Legittimo trova una carambola tra Ferretti prima e lo sfortunatissimo Nolè poi che agevola l’intervento decisivo di Germinale.

Prima c’è tanta SPAL e poca Lucchese capace di farsi vedere solo con Lo Sicco dalla distanza – lo ricorderete in prova la scorsa estate proprio con i biancazzurri e desideroso di mettersi in luce – mentre Fioretti, per i nostri, cerca il gol d’autore, prima con un tiro dalla distanza con Casapieri fuori dai pali al 21′, poi ancora al 23′ e, infine, al 40′ quando imbeccato dal solito Landi, si gira e supera Espeche in marcatura, trovando però sempre l’estremo difensore dei toscani a opporsi. Brevi legge la partita come meglio non potrebbe, Germinale è il solito indomito lottatore, Aldrovandi-Capece-Giani dietro sono un muro invalicabile, solo Filippini vaga un po’ troppo per il campo – ma si rifarà con un gran secondo tempo – mentre Togni rischia il rosso – che poi arriverà puntuale – già al 44′ ma l’arbitro lo grazia. La Ovest canta che è un piacere, sono oltre 3500 gli spettatori presenti sugli spalti all’ora di pranzo. Mica male.

La ripresa vede la Lucchese più pimpante con la SPAL che resta in dieci ed è costretta a chiudersi per la doppia ammonizione sacrosanta comminata a un Togni – come detto – apparso non in grande giornata e che avrà una settimana per rifiatare, Brevi fa esordire anche Bellemo, mentre Pagliuca, persa per persa inserisce anche Boilini e Ferrante ma il risultato non cambierà più. Nel finale ariete d’eccezione per la Pantera è anche Calistri – davvero buona la sua partita in marcatura su Fioretti –  che va a fare la boa in mezzo all’area di rigore ma, quasi allo scadere, è Menegatti a negare il gol della bandiera alla Lucchese con un intervento prodigioso su Ferrante. Finisce con la Ovest in tripudio e la terza vittoria in quattro partite per la SPAL. E un secondo posto – aspettando Teramo e Tuttocuoio – meritatissimo.

SPAL-LUCCHESE 2-0 (2-0)

SPAL (5-3-2): Menegatti; Ferretti, Aldrovandi, Capece, Giani, Legittimo; Filippini (dal 45’ s.t. Gentile), Togni, Landi; Germinale (dal 23’ s.t. De Cenco), Fioretti (dal 20’ s.t. Bellemo). A disp.: Albertoni, Rosina, Finotto, Di Quinzio. All.: O. Brevi.

LUCCHESE (4-3-3): Casapieri; Risaliti (dal 1’ s.t. Boilini), Calistri, Espeche, Pantano (dal 26’ s.t. Chianese); Calcagni, Lo Sicco, Nolè; Ferretti, Santini (dal 11’ s.t. Ferrante), Biasci. A disp.: Borra, Vosnakidis, Dejori, Degeri. All.: G. Pagliuca.

ARBITRO: Mantelli di Brescia (assistenti: Mokhtar e Cartaino).
MARCATORI: 16’ p.t. Ferretti e 43’ p.t. Germinale (S).
AMMONITI: Lo Sicco (L) e Togni (S).
ESPULSI: al 16’ s.t. Togni (S) per doppia ammonizione.
NOTE: giornata soleggiata e mite, campo in discrete condizioni. Angoli 6 a 2 per la Lucchese. Spettatori 3.500 circa (paganti 1.732, quota abbonati 1.737). Recupero pt 0’, st 4’.



Leaderboard Derby 2019