Giornata grigia e piovosa al Centro d’Addestramento di via Copparo, sede dell’allenamento pomeridiano della SPAL. Mancano sempre meno giorni alla trasferta del “Garilli” di Piacenza, dove i ragazzi di Oscar Brevi affronteranno i rossoneri della Pro e saranno chiamati a un immediato e convincente riscatto dopo la brutta prova interna di sabato scorso con L’Aquila. I piacentini si trovano attualmente in ultima posizione con soli tre punti a referto, ma va ricordato che sulla classifica della squadra allenata da Arnaldo Franzini pesa notevolmente la penalizzazione iniziale di otto punti. Sarà dunque una gara difficile e tutta da giocare per la SPAL, che necessita dei tre punti per rimanere attaccata al treno delle prime e per tornare ad avere piena fiducia nei propri mezzi.

La seduta odierna è stata caratterizzata dalla classica partitella alla quale hanno assistito, seppur a ranghi ridotti per le condizioni atmosferiche quasi proibitive, i soliti fedelissimi tifosi della tribunetta in legno. Mister Brevi come sempre ha mischiato le carte e sostanzialmente le vere prove di formazione le farà nelle prossime due sedute, ovviamente a porte chiuse, lontano da occhi indiscreti. Anche se qualche spunto da quanto visto nell’allenamento lo si è potuto trarre soprattutto sul modulo tattico. Brevi ha provato due 442 a specchio dividendo le varie pettorine. In difesa sicuri del posto al “Garilli” sembrano essere Ferretti, Legittimo e capitan Giani, mentre per l’altro posto al centro del reparto spallino si giocano una maglia Aldrovandi e Silvestri. I rinnovi e i cambiamenti maggiori però riguarderanno la linea mediana dove saranno assenti Togni (squalificato) e, con tutta probabilità Landi, alle prese con le placche in gola. Il centrocampista sta seguendo una cura a base di antibiotici da due giorni. Un suo recupero sembra complicato. La coppia centrale di centrocampo sarà formata quindi dal duo Capece e Gentile mentre sugli esterni si può ipotizzare la presenza di Lazzari a destra e Filippini spostato sulla fascia mancina con Finotto e Di Quinzio in panchina. Davanti ritornerà con tutta certezza la coppia Germinale, Fioretti. E’ stato proprio Fioretti a decidere la partitella di oggi con tre reti segnate. Ma niente pallone portato a casa, era solo un allenamento. Dopo un’ora esatta di duro lavoro, con l’aumentare dell’intensità della pioggia, mister Brevi ha preferito mandare il gruppo biancazzurro sotto l’acqua calda.



Leaderboard Derby 2019