Dopo la pausa natalizia, i ragazzi della Niagara 4 Torri sono tornati in campo per la ripresa degli allenamenti. Prima di cominciare a pieno ritmo, abbiamo chiesto a due dei granata di farci un bilancio dell’anno passato e di dirci qualcosa di questo nuovo anno appena iniziato. Questa settimana ci hanno pensato Alessandro Drago e Francesco Boscolo.

Fino ad oggi hanno parlato tutti benissimo della squadra e dei risultati ottenuti: istituzioni ed staff non si sono risparmiati nell’esprimere la propria soddisfazione. I ragazzi però sono molto autocritici e vanno a ricercare gli errori fatti durante questo girone di andata. È Drago a parlare per primo: “Si poteva fare di meglio. Abbiamo cominciato a giocare bene solamente verso la fine dell’anno solare, vincendo anche in trasferta, però ci siamo lasciati sfuggire alcuni punti che avremmo potuto portare a casa, come contro Sant’Antioco e Grosseto. Potevano essere fatti alcuni punti in più”.
Cosa è mancato allora alla Niagara nelle occasioni perse? È Boscolo a rispondere: “Ci sono mancate cattiveria ed attenzione nei punti finali. Contro Grosseto la partita è proprio iniziata male e non siamo entrati in partita, ma un calo di tensione ci può stare. Contro Sant’Antioco abbiamo perso un punto, ma vista la tipologia di trasferta può starci”.

Questa Niagara ha stupito soprattutto per la costanza nelle partite disputate in casa. La concentrazione è rimasta sempre alta, gli errori sono stati sempre limitati e la voglia di vincere davanti al pubblico di casa ha fatto il resto. In trasferta i granata sembrano avere qualche problema in più: è il fattore campo a fare la differenza sulle prestazioni? Alessandro Drago non la pensa così: “Non è la trasferta in sé il problema. Contro Sant’Antioco abbiamo perso un punto, forse è stata l’unica trasferta nella quale il viaggio ci ha penalizzato. Siamo partiti alle sei e mezza di mattina ed abbiamo giocato alle quattro di pomeriggio, facendo tutto con una certa fretta. Non è un alibi che giustifica il risultato ottenuto al tie-break, ma può aver contribuito. Negli altri scontri il fattore campo non c’entra”.

Dopo quest’ultimo sguardo al passato e dopo il riposo natalizio, è arrivato il momento di voltare pagina e guardare al 2016. Quali sono i buoni propositi dei ragazzi granata? Francesco Boscolo è ambizioso: “Dobbiamo continuare a fare bene e se possibile continuare a migliorarci. Nell’immediato non sarà semplice, perché dovremo riprendere il regime ed il ritmo che avevamo consolidato. Ricominceremo da Spoleto che, viste la posizione in classifica e le ambizioni in campionato, non semplificherà certo la nostra ripresa. Comunque noi cercheremo di fare il meglio e di fare punti. Fino ad oggi abbiamo fatto bene e la classifica parla: l’andata non è ancora finita, possiamo migliorare ancora prima del giro di boa”.

Dopo lo scontro casalingo contro la Monini Spoleto, Ferrara dovrà affrontare Reggio Emilia e Montalbano prima della chiusura del girone di andata. Lasciamo i ragazzi al loro allenamento, scambiandoci le ultime battute. Non manca il tempo per una breve sintesi del primo allenamento annuale di Boscolo: “La ripresa è stata buona, pensavo di uscirne molto peggio. È stato comunque un allenamento intenso e con poche pause, quindi spero di continuare così!”

foto per gentile concessione dell’Ufficio Stampa 4 Torri Volley Ferrara



Leaderboard Derby 2019