Come ogni mercoledì torniamo a parlare di ex spallini in serie A, B e Lega Pro grazie ai voti assegnati da La Gazzetta dello Sport.

La massima serie comincia con Lazio-Verona. Dopo aver trovato la prima vittoria in campionato e sfiorato la seconda, Luigi Delneri (voto 5) – protagonista di scelte e cambi tardivi – deve incassare una pesante sconfitta per 5-2. Complice anche Gollini, spesso insicuro nelle uscite, voto 5. Il Chievo fa 1-1 in casa contro il Sassuolo, ma per Pellissier c’è l’ennesima panchina. Voto 7 ad Allegri che porta a casa il match più atteso di tutto il campionato. Se Juventus-Napoli termina 1-0 è anche merito suo che, a partita in corso, dà spazio a Zaza che lo ripaga con un mancino da fuori area decisivo per la vittoria.
Solo 0-0 per l’Atalanta in casa della Sampdoria. Gli uomini di Reja sprecano qualche occasione di troppo e per loro sono punti gettati al vento. All’allenatore ex SPAL va un 6 di consolazione.

In serie B, il Crotone perde contatto dal Cagliari, a causa di un inaspettato pareggio interno contro la Pro Vercelli (1-1). Ancora una volta mister Juric preferisce in mezzo al campo Capezzi e Barberis, anziché l’ex spallino Matteo Paro, comparso quest’anno solamente cinque volte sui campi della serie cadetta. Poker della Ternana contro la Salernitana: 4-0 e voto 7 per Breda che vince e convince proprio contro la sua ex squadra più importante. Scontro salvezza quello tra Virtus Lanciano e Modena, terminato 2-1, nel sabato di Serie B. Sesta chiamata per il portiere Manfredini, nei gialloblù. Voto 6 per lui, nonostante le due reti subite. 5,5 invece ad Aldrovandi: spinge bene nel primo tempo, ma scompare poi nel secondo, quando è costretto a giocare in una zona non di sua competenza.

Parlando di Lega Pro, si comincia col girone A. Alla terza presenza con la maglia del Pordenone, Emanuele Berrettoni lascia la firma – la prima con la sua neo squadra – in quello che è un netto 3-0 contro la Pro Patria. Al 62’ l’attaccante batte La Gorga con un diagonale imprendibile. Proprio Berrettoni prende il posto di Filippini sostituito all’intervallo (voto 6,5). Solamente una decina di minuti in campo nel finale per Cosner. E’ 1-1 tra Reggiana e Mantova. Nei padroni di casa, mentre in panchina si rivede Panizzi, Rachid Arma fa il suo ingresso in campo solamente al 14’ del secondo tempo e combina ben poco per cambiare la situazione (voto 5,5). E’ panchina anche per Sereni nei virgiliani che rischiano di rimanere invischiati in zona playout. Termina 4-2 il match tra Feralpi Salò e Cremonese. Per i grigiorossi Ravaglia, nonostante il 5 in pagella, si rende protagonista di alcuni interventi decisivi: si veda il miracolo al 25’ del secondo tempo proprio su Bracaletti (voto 6) il quale, da posizione ravvicinata, rovina tutto. Non fa altrettanto bene – purtroppo – sulla rovesciata di Tortora, trasformando in rete un tiro non proprio irresistibile, facendosi letteralmente sfuggire il pallone. L’Albinoleffe affonda per 1-3 contro l’Alessandria, ma Ferretti – in difesa – merita comunque un 6,5. Negli ospiti, solo pochi minuti per Marconi che sostituisce un Bocalon eroe di giornata. Nella sconfitta per 3-2 del Pavia, in casa del Cittadella, solo 5,5 per Ghiringhelli.

Il girone B si apre con il 2-1 della Pistoiese sulla Lupa Roma. A illuminare la giornata degli arancioni è di nuovo Rovini che torna al goal, siglando una doppietta in soli 16 minuti: due reti fotocopia che lo incoronano migliore in campo. Voto 8. L’Arezzo vince 1-0 contro il Savona. Una vittoria di misura permette agli uomini di mister Capuano di riavvicinarsi al Siena. Nelle scelte del tecnico, rientra puntualmente Capece, voto 6. Il Savona invece si vede orfano di Cabeccia – fuori per squalifica – e Lebran, indisponibile causa infortunio. Nel derby sotto la pioggia tra Prato e Lucchese, terminato 0-0, si segnala solamente la presenza in panchina di Melli nei rossoneri. E’ 0-0 anche tra Ancona e Carrarese. Nei padroni di casa, male Cazzola (voto 5,5). Ammonito al termine del secondo tempo, l’esterno di Fano – già diffidato – dovrà saltare la difficilissima trasferta contro la Maceratese. Solamente pochi minuti per Gerbaudo, mandato in campo da Remondina – voto 6 – nei minuti finali. Ottava sconfitta stagionale per il Santarcangelo in casa del Pisa, una sconfitta maturata già nel primo tempo (2-1), con una doppietta di Verna in recupero sul goal dell’iniziale vantaggio dei gialloblù. Negli ospiti c’è Rossi in difesa, voto 6. Per Arrigoni solamente panchina. Nel 2-0 del Rimini contro la Robur Siena, ottima prestazione di Albertini – voto 7 – che, nel primo tempo, per ben due volte va addirittura vicino al gol.

Infine il girone C. La Fidelis Andria ne fa tre in casa della Lupa Castelli e termina l’incontro a porta inviolata. Buona prestazione in difesa per Cortellini, voto 6,5. Il Lecce non va oltre lo 0-0 contro il Catania. Puntuale il 6 di Legittimo. Ancora panchina per Beduschi. Si ferma anche il Cosenza contro il Catanzaro. Molto bene Corsi. 6,5 per lui. Degno di nota, l’assist di testa per quello che sarebbe stato il goal della doppietta di La Mantia; gioia negata solamente da un grandissimo intervento di Grandi – migliore in campo – riscattatosi dopo il goal subito pochi minuti prima. La Juve Stabia fa 1-1 in casa della Casertana. Izzillo rimane in panchina per tutti e novanta i minuti. Il Benevento fa 3-0 contro il Melfi. Tra i protagonisti un ispiratissimo Melara, voto 7. L’esterno ex Spal prima prova a smuovere la partita – al 6’ minuto – con un cross sul primo palo su cui si avventa Mazzeo, senza trovare la rete. Poi la sblocca definitivamente, firmando il suo secondo gol stagionale, facendo tutto da solo: parte da centrocampo, scambia con Ciciretti, entra in area, ne scarta quattro e termina sul tabellino marcatori con un sinistro diretto verso l’angolo più lontano; 1-0 e tantissimi applausi. Il cartellino giallo nel finale non può in alcun modo macchiare la sua prestazione. Infine, nel 2-2 tra Foggia e Matera, panchina sia per Agnelli da una parte che per Zaffagnini dall’altra.



Leaderboard Derby 2019
Leaderboard nuovo MyEs