Terza vittoria consecutiva per la Bondi che conquista anche il campo di una Jesi mai doma, ma in grave difficoltà soprattutto dal punto di vista offensivo. Percentuali non eccelse per i biancazzurri al tiro (47% da 2, 34% da 3 punti), spiccano i 20 punti del solito Rush e la doppia-doppia da 15 punti e 14 rimbalzi di David Brkic.

Inizio a rilento per i giocatori di coach Morea: dopo due palle perse di capitan Losi e diversi errori al tiro, i padroni di casa, partiti fortissimo, si ritrovano sul 7-2 costringendo il tecnico ferrarese a chiamare il suo primo timeout. La sveglia inizialmente non sembra servire (10-2 Jesi), poi la difesa sale di intensità e grazie ai punti di Rush ed Henderson, Ferrara torna a contatto sul 12-11 nonostante percentuali al tiro piuttosto basse. Sul finire di primo quarto anche il tiro dalla lunga distanza per Ferrara comincia a dare i suoi frutti. Due bombe di Brkic in rapida successione, due canestri di Soloperto e la Bondi si ritrova in un amen sul 14-21, punteggio con il quale si arriva al primo mini break.
Al rientro in campo Jesi pasticcia un po’ in attacco perdendo qualche pallone, non sfruttato però dagli estensi le cui mani si sono di nuovo raffreddate dalla lunga distanza. Fortunatamente la palla comincia ad avvicinarsi a canestro e i frutti si vedono. Ai canestri di Hunter, infatti, rispondono i lunghi ferraresi mantenendo saldo il vantaggio. Dopo quattro minuti di gioco gli arbitri si rendono protagonisti di un fischio piuttosto dubbio, sanzionando un fallo antisportivo a Guarino, permettendo a Jesi di ritornare a contatto (21-25). Da qui sale in cattedra Santiangeli con due triple consecutive a cui risponde parzialmente Losi, ma i marchigiani riescono a ritornare in vantaggio (30-28) con 3:41 da giocare. Malgrado un attacco diventato macchinoso, Ferrara, con un parziale di 8-0, torna al comando della partita (30-36) prima che due bombe di Maganza riportino la questione in parità. Con 13 secondi ancora sul cronometro ci pensa Losi a ridare il vantaggio ai suoi, ma sulla sirena il canestro di Santiangeli rimette di nuovo tutto in parità a quota 38.

Il terzo quarto si apre con un micidiale parziale di 9-0 per la Bondi (38-47), complici anche due falli tecnici sanzionati dagli arbitri, mentre senza Santiangeli (tre falli per lui) Jesi non riesce a trovare la via del canestro. Dopo un’altra tripla di Guarino, anche gli arancioblù si iscrivono a referto in questo quarto con la tripla di Hunter (43-50), mentre Ferrara ricomincia a perdere palloni con un Soloperto fin qui a dir poco negativo. Altro fallo tecnico fischiato dagli arbitri, questa volta a Jordan Losi e Jesi ne approfitta per rifarsi sotto (47-50), prima di due bombe consecutive di Bucci del nuovo +8. I padroni di casa però non hanno ancora perso la speranza e con un 4-0 finale, arrivano all’ultimo intervallo sul 53-57.
Partita che si fa maschia e tirata. Greene segna in apertura il canestro del -2 (55-57), poi tanti errori da una parte e dall’altra con diverse palle perse sue entrambi i lati. A sbloccare la situazione ci pensa il solito Rush con una gran schiacciata in campo aperto e una bomba di Losi da distanza siderale. Sempre Losi a servire un pregiatissimo assist per la schiacciata di Brkic che vale il nuovo +9 (57-66), mentre la Betulline continua a non trovare la via del canestro con continuità. La bimane di Rush da fermo a centro area (63-74) mette il punto esclamativo su una vittoria conquistata con fatica, ma che permette a Ferrara di continuare ad inseguire il sogno playoff.

BETULLINE JESI – BONDI FERRARA  63-74
PARZIALI: (14-21); (24-17); (15-19); (10-17)

BETULLINE JESI: Greene 11, Janelidze 6, Paci 5, Santiangeli 13, Gueye 3, Hunter 9, Scali, Lucarelli, Maganza 11, Picarelli 5, Battisti n.e., Schiavoni n.e. All.: Maurizio Lasi

BONDI FERRARA: Rush 20, Bucci 9, Losi 13, Henderson 8, Brkic 15, Guarino 7, Brighi, Cacace, Soloperto 2, Slafia n.e. All.: Alberto Morea



Leaderboard Derby 2019