Niente panico, dice Floccari: Vietato guardarsi indietro, dipende ancora tutto da noi

La sconfitta della SPAL  a Torino è di quelle particolarmente amare. Il destino però è ancora nelle mani dei biancazzurri e per centrare l’obiettivo servirà, tra le altre cose, anche l’esperienza nel gestire certi tipi di partite che solo i giocatori più esperti possono vantare. Tra questi sicuramente c’è Sergio Floccari, che ha fatto il punto della situazione in casa estense al termine della partita con il Toro: “Sapevamo che contro il Torino sarebbe stata una gara molto complicata contro un avversario di valore. Dispiace perché, dopo essere riusciti a passare in vantaggio approcciando la gara nel modo giusto, alla fine torniamo a casa senza punti. Al di là di questo il dato importante che dobbiamo ben tenere a mente, per giocare con la giusta serenità, è che la salvezza dipende unicamente da noi. Non è il mio ottimismo a parlare, ma la realtà dei fatti: quanto fatto fino ad ora è alle spalle e vorrei canalizzare tutte le energie dell’ambiente e di chi ci sta attorno unicamente per provare a centrare l’obiettivo salvezza. Ci sarebbe da discutere su diversi episodi, come quello del rigore, sui quali evidentemente non siamo fortunati ma non voglio nemmeno più commentare questo perché ci stiamo giocando qualcosa di molto più importante. In ogni caso torno a dire che ora è necessario concentrarci solo su noi stessi per rimanere lucidi, focalizzando solo quello che dobbiamo fare per centrare l’obiettivo. Da tempo siamo sulla strada giusta, siamo cresciuti sotto l’aspetto della convinzione, del gruppo e della personalità. Domenica ci mancheranno alcuni elementi ma sono sicuro che chi scenderà in campo si farà trovare pronto. Un appello al pubblico? I tifosi della SPAL hanno dimostrato che non c’è bisogno di alcun appello. Sapevamo tutti che ci sarebbe stato da lottare fino alla fine: a dir la verità sono stati proprio i tifosi a ricordacelo quando noi magari eravamo un po’ abbattuti. Su questo non ho dubbi: il pubblico si farà trovare certamente pronto“.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0