Giampaolo vuole una Samp convincente: Abbiamo una maglia da onorare. Quagliarella c’è

La Sampdoria è già proiettata nel futuro e la tappa di Ferrara servirà ai blucerchiati per chiarirsi ulteriormente le idee. Così almeno la pensa Marco Giampaolo, che ha presentato così il match del Paolo Mazza: “Con la partita di domani chiudo il cerchio: è vero che non abbiamo più obiettivi, ma avrò delle indicazioni sul piano mentale. Se vogliamo migliorare dobbiamo lavorare dove siamo stati carenti, per me domani è una partita veramente importante per capire da dove ripartire, da chi ripartire, con quanti ripartire. Se non siamo motivati a migliorarci, non ha più senso nulla. Zapata, Barreto e Viviano non sono convocati perché sono infortunati, tutti gli altri sono arruolati per questa gara“.

Ci sarà quindi Quagliarella, autore della doppietta che all’andata stese i biancazzurri a Marassi: “La SPAL non mi aspetto che faccia nulla di diverso che fare la partita per vincere, si gioca la salvezza. Il mio focus non è orientato in direzione della SPAL, ma in direzione della Sampdoria: mi interessa andare a fare bene, sbagliare meno possibile, mi interessa avere argomentazioni per aprire un dibattito chiaro e diretto con il club per sapere come muoverci e in quale direzione. Non sarà una partita giocata bene o male a farmi cambiare idea sui giocatori, non mi aspetto risposte tecniche perché so chi ha margini di miglioramento, chi è al massimo delle sue possibilità. Mi interessano le risposte caratteriali, di spirito, di appartenenza per lavorare su una mentalità indirizzata al miglioramento. Noi siamo la Sampdoria, abbiamo una maglia da onorare e qui gli aspetti professionali fanno la differenza. La caratura di ogni singolo calciatore può fare la differenza: quello che ci è mancato quest’anno va rivisto. Se siamo contenti? Oggi vi dico che non lo sono, perché siamo stati vicini ad un traguardo e non l’abbiamo raggiunto“.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0