Petagna convocato in Nazionale a insaputa di tutti? No, solo un errore del CorSport

Nel paese in cui ci si ritrova proprietari di case a propria insaputa, può anche capitare di alzarsi al mattino e scoprirsi convocati senza preavviso dal ct della Nazionale? Non ancora, ma il titolo in prima pagina del Corriere dello Sport di lunedì 19 novembre (“Mal di gol? Ecco Petagna“) ha quantomeno creato un po’ di confusione sia in casa SPAL, sia tra i tifosi. Andrea Petagna non ha mai fatto parte della lista del ct Mancini per i due impegni con Portogallo e Stati Uniti: è stato chiamato all’improvviso per una defezione dell’ultimo minuto? Ovviamente no (altrimenti ci sarebbe stato un comunicato), si tratta solo di un curioso errore da parte di uno dei cronisti del quotidiano diretto da Ivan Zazzaroni.

Un granchio di quelli belli grossi, se si considera che l’errore compare non solo in prima pagina, ma anche nell’articolo che dà conto degli esperimenti di formazione del ct Mancini in vista dell’amichevole in programma martedì sera a Genk. Lì compare la foto di Petagna, che però non è stato mai chiamato dal tecnico azzurro. La sua unica apparizione in Nazionale risale al marzo 2017 sotto la gestione Ventura. Se si scorre la lista dei giocatori effettivamente in gruppo viene spontaneo pensare ad un lapsus: per ruolo e assonanza fonetica il riferimento era probabilmente a Kevin Lasagna, centravanti dell’Udinese. Petagna invece è regolarmente in via Copparo ad allenarsi in vista di Juventus-SPAL. La speranza di tornare a vestire l’azzurro di sicuro non l’ha abbandonata, basta solo che la chiamata arrivi con un po’ di preavviso.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0