Inizia l’ultima settimana di calciomercato (si chiude giovedì 31 alle 20) e fidatevi se vi diciamo che il ritmo col quale usciranno indiscrezioni sui trasferimenti sarà quasi insostenibile. Così la nostra redazione rimane fedele al suo proposito di filtrare le notizie, fare ordine tra di esse e possibilmente approfondirle nel più breve tempo possibile. L’idea è di risparmiare al tifoso spallino cento clic o altrettanti tocchi su un display, magari per ritrovarsi a leggere titoli fuorvianti o notizie di seconda o terza mano. Vi proponiamo quindi una rapida panoramica sulle voci delle ultime 24 ore, per contribuire a creare un quadro chiaro della situazione.

KINGSLEY EHIZIBUE (esterno, 1995, PEC Zwolle)
E’ un esterno destro e la SPAL ci sta facendo un pensiero. Tanto è bastato per vedere il titolo: “Ecco l’erede di Lazzari”. Meglio andarci piano, perché non è un’eredità di poco conto. Nonostante il gran fisico, l’efficacia di Ehizibue nel campionato italiano è tutta da valutare, giusto per evitare che diventi un epigono di Pa Konate. Ad ogni modo, nella giornata di martedì Calciomercato.it ha pubblicato delle dichiarazioni rilasciate proprio dall’agente dell’esterno olandese di origini nigeriane: “Posso confermare che le due società stanno negoziando: da parte nostra non resta che attendere e vedere come andrà la trattativa. Penso che lo Zwolle sia disposto a cedere Ehizibue anche in questa sessione di gennaio, altrimenti non si sarebbe nemmeno seduto al tavolo con la SPAL. Di certo al ragazzo piacerebbe venire a giocare in Italia e provare l’esperienza della Serie A“. La concorrenza comunque non sembra mancare, tanto che Alfredo Pedullà nella mattinata di mercoledì ha segnalato un deciso inserimento del Genoa sul giocatore (che però è da verificare).

EMANUELE GIACCHERINI (centrocampista, 1985, Chievo)
La conferma del -3 in classifica e i tre gol incassati dalla Juventus hanno tenuto il Chievo al palo, a nove punti di distanza dall’Empoli che al momento sarebbe la prima delle salve. Nonostante questo i gialloblù non sembrano aver intenzione di smobilitare la propria rosa, se non a prezzi da boutique che ovviamente la SPAL non ha intenzione di accettare. Non sarebbe del tutto corretto dire che la SPAL ha ormai mollato la presa sull’ex Juventus, ma la strada allo stato attuale sembra essere parecchio in salita. Più di quanto non lo fosse dieci giorni fa. Lo stesso Giaccherini in una recente serie di interviste ha voluto ribadire la fedeltà alla causa del Chievo, allontanando di fatto le voci di un trasferimento. Verosimilmente la SPAL andrà su altri profili, ma per il momento i nomi sono del tutto top-secret.

NENAD TOMOVIC (difensore, 1987, Chievo)
Il nome del difensore serbo è stato inserito nel frullatore dalla Gazzetta dello Sport. Il suo è uno dei contratti più pesanti della rosa del Chievo (600mila a stagione) e ha scadenza 2021. Al momento non ci sono riscontri su questo profilo, anche perché la priorità della SPAL in questo momento è il rafforzamento del centrocampo.

in uscita

MANUEL LAZZARI (esterno, 1993) al Napoli?
Nei giorni scorsi diverse testate che seguono il Napoli hanno dato per fatto l’accordo tra la SPAL e il club di DeLaurentiis. Lazzari alla corte di Ancelotti a partire da giugno per 20 milioni di euro. Le cose però non sembrano stare del tutto così e non risultano contatti di questa entità tra le due società.

FEDERICO VIVIANI (centrocampista, 1992) al Frosinone?
Dalla serata di martedì diverse testate specializzate danno l’affare per fatto, con Viviani che passerebbe al Frosinone in prestito, presumibilmente con diritto di riscatto. I ciociari hanno ceduto Crisetig al Benevento e risolto i contratti di Ardaiz e Hallfredsson, creando così spazio in rosa. Secondo Gianluca Di Marzio, Viviani sarebbe pronto a svolgere le visite mediche già nella giornata di mercoledì. Simile operazione ovviamente chiuderebbe le porte alla cessione di Schiattarella sempre al Frosinone.

FILIPPO COSTA (esterno, 1995) all’Empoli?
Anche in questo caso l’indiscrezione viene da Gianluca Di Marzio: SPAL ed Empoli sarebbero vicine all’accordo per il prestito del mancino biancazzurro. Se da un lato ha senso che Costa reclami maggior spazio (6 presenze per 355 minuti), dall’altro a Empoli sembrano essere piuttosto tiepidi sul suo nome. Allo stato attuale sembra che il club toscano preferirebbe prelevare Dell’Orco (1994) dal Sassuolo, tenendo Costa come alternativa. Fermo restando che nella rosa di Iachini ci sono ancora Pasqual e Antonelli.



Leaderboard Derby 2019
Leaderboard Ciicai