Tocca ancora una volta a Walter Mattioli, nel post-partita di SPAL-Sampdoria, esprimere tutta la sua amarezza per un episodio surreale che ha nettamente sfavorito i biancazzurri: “C’è tanta amarezza perché pensavamo di averle già viste tutte, ma oggi abbiamo assistito a mio parere ad un altro errore arbitrale. Abbiamo valutato fino a poco fa le immagini e mi sembra che il gol di Floccari fosse buono, poi le valutazioni fatte dagli arbitri non le posso sapere. Basandomi su quello che ho visto mi sembrava gol, loro invece sono convinti che ci fosse un fuorigioco e non possiamo far altro che accettare la decisione. Siamo molto dispiaciuti, perché tocca sempre a noi, e sono convinto che se fosse stato convalidato quel gol sarebbe cambiata la storia del match. Eravamo solo al quindicesimo della ripresa e ci sarebbe stato tutto il tempo per provare a fare un altro gol, cosa che infatti è arrivato con la punizione di Kurtic. Sarebbe stato un punto importantissimo per noi, perché andando avanti diventerà sempre più difficile guadagnarne. Purtroppo non l’abbiamo raggiunto e magari i problemi ora si accentueranno“.

Le prossime gare giochiamo contro Inter e Roma e poi dopo la sosta andremo a Frosinone per giocarci un po’ tutto, quindi il pareggio sarebbe stato fondamentale. Dietro non molla nessuno e dobbiamo metterci nell’ordine di idee che sarà una bagarre fino alla fine, fino all’ultima giornata in cui si deciderà tutto. Ogni squadra vuole fortemente salvarsi e a tal proposito faccio i complimenti al Cagliari per come ha giocato venerdì sera, mettendo in mostra uno spirito e una cattiveria che anche noi dobbiamo mettere in mostra quando giochiamo in casa. Dobbiamo assolutamente salvarci e bisogna organizzarsi subito rimettendoci subito al lavoro, provando magari a strappare un punticino a Milano con l’Inter. Il calcio dice che si può fare tutto senza problemi. Approccio sempre difficile quando giochiamo in casa? Sì, non abbiamo iniziato bene e mi sembra che anche il modulo non abbia funzionato granché, mentre nella ripresa, una volta tornati al nostro consueto 352 abbiamo giocato molto bene.  Come poi è successo col Sassuolo. Dico solo una cosa: i tifosi della SPAL e della nostra città sono i migliori e i più corretti d’Italia, omaggiati anche dalle altre tifoserie che rimangono affascinati dal tifo che e dall’ambiente che si crea al Mazza. Quello che mi dà un enorme fastidio è vederli uscire anzitempo per l’ennesimo problema causato dagli arbitri. Mi dispiace tantissimo ma non dobbiamo mollare, dobbiamo continuare a lottare perché questa città e questa gente se lo meritano”.



Leaderboard Derby 2019