Una Bondi stoica si arrende solo nel finale alla Tezenis (76 – 82), sfiorando l’impresa di rimontare da un passivo arrivato anche a quindici punti. Campbell e Fantoni superbi, buon esordio per Buffo, sostanziose le prove di Ganeto e Molinaro. Swann, invece, costretto ad alzare bandiera bianca dopo appena 10′ per infortunio.

Swann ng – Condizionato da problemi fisici non può far altro che sostenere i propri compagni dalla panchina.

Fantoni 8 – Cerca di trascinare Ferrara e di farla rimanere in scia a Verona con qualche canestro dei suoi ma arrivare sotto al ferro della Tezenis è decisamente più facile a dirsi che a farsi: trovare spazio tra le braccia dei vari Poletti, Dieng, Quarisa e Candussi è impresa per pochi. Il capitano è da applausi, non solo per le statistiche: 17 punti, 6 rimbalzi e 9 falli subiti.

Ganeto 6,5 – Sul piano dell’intensità, della foga agonistica e della voglia è un giocatore che non si può discutere. Però litiga veramente troppo con il canestro. Prezioso a rimbalzo, così come in difesa. Maestro nel fare tutto ciò che è utile, peccato solo per le percentuali.

Molinaro 6,5 – Diligente e concentrato, gioca una partita di enorme sostanza, senza strafare. Dà il proprio contributo alla causa estense con quello che sa fare meglio: andare in verticale. Tira giù 6 rimbalzi e prova a tappare i buchi che si creano dentro l’area della Bondi andando in aiuto su ogni penetrazione.

Mazzoleni ng – Lo si intravede per una manciata di minuti ma non ha modo di fare sostanzialmente nulla.

Buffo 7 – Oggetto misterioso fino a quando al 30’ non si alza dall’angolo e a fil di sirena insacca la tripla che vale il -4 (60 – 64). Poi ne piazza un’altra: altro giro, altro regalo. Non poteva esordire meglio.

Panni 5,5 – La Bondi sui pick and roll di Verona cambia in maniera sistematica e questa scelta gli fa soffrire notevolmente la fisicità della Tezenis. Dal punto di vista realizzativo, inizia alla grande, salvo poi perdere la via del canestro. E questa cosa lo innervosisce a tal punto da uscire quasi completamente dalla gara.

Calò 5 – Parte in quintetto, pronto a spaccare il mondo. Ma la notevole carica adrenalinica gli si rivolta contro: dopo poco più di 3′ ha tre falli sul groppone. Esce per falli al 24’. Chiude con una virgola impietosa nel tabellino.

Campbell 8,5 – Con Swann a mezzo servizio, il peso dell’attacco è tutto sulle sue spalle. È una furia finché la difesa di Verona non trova le contromisure: le maglie giallo-blu gli si stringono attorno come una camicia di forza, e le percentuali dal campo calano di conseguenza. Ma nonostante la gabbia che gli costruiscono attorno non molla un centimetro, anzi, va avanti come un carro-armato e guida il Kleb nella rimonta. Nel finale perde una palla sanguinosa, però non gli si poteva chiedere di più questa sera perché a tratti ha vestito i panni del supereroe.

Liberati 6 – Un dito insaccato gli da noia e lo fa sparire dai radar per buona parte del primo tempo. Poi però quando torna sul parquet risulta un fattore determinante nel tentativo di rientro di Ferrara sul finire del terzo quarto.



Leaderboard Derby 2019
Leaderboard Ciicai