La SPAL non si accontenta di un comodo pareggio e, in rimonta, infligge la seconda sconfitta stagionale a una Juventus giunta al “Mazza” in formazione largamente rimaneggiata. Praticamente perfetta la prestazione difensiva dei ragazzi di Leonardo Semplici, piegati solo da una deviazione fortunosa di Kean su tiro sbagliato da Cancelo. Eroi di giornata Bonifazi (la cui ascesa è sempre più impetuosa) e l’eterno Sergio Floccari.

VIVIANO 6 – Tocca il pallone solo per rinviare fino al 31’ quando, su un tiro sbagliato da Cancelo, Kean lo infila. Nel secondo tempo, però, vola sulla conclusione dalla distanza di Nicolussi.

CIONEK 7 – Non dimostra alcun timore reverenziale al cospetto della prima della classe. Molto attento in marcatura, spesso accorcia anche sulla mezzala dalla sua parte per portare pressione nella metà campo avversaria. Nel finale del primo tempo cerca di ripetere il cross che aveva portato al gol Fares contro la Roma, ma la deviazione di Floccari non è altrettanto fortunata.

VICARI 7 – Si fa saltare una sola volta, in velocità, da Cuadrado, ma nel resto della partita tiene molto bene, con alcune belle chiusure.

BONIFAZI 7,5 – Sovrasta di testa la difesa bianconera con un colpo di testa imperioso, che regala il pareggio. Dall’altra parte del campo conferma la sua crescita impetuosa, sbagliando poco o nulla, con il solo Kean che riesce a sorprenderlo alla prima accelerazione.

LAZZARI 6,5 – Festeggia la duecentesima in maglia SPAL, ma nel primo tempo, sul suo lato, Spinazzola in prima battuta e poi Gozzi non gli concedono molto spazio. Più a suo agio nella ripresa, anche se fatica a trovare l’assist giusto. I cross però non mancano.

MURGIA 6 – Dei tre in mezzo è quello che prova a giocare più vicino alle punte, inserendosi con continuità in area. Tecnicamente però, commette parecchi errori. Ha sulla testa il pallone del 2-1, ma lo impatta troppo piano.

SCHIATTARELLA 6,5 – Torna a giocare da regista e fa subito sentire la sua fisicità agli avversari, mettendoci anche la giusta dose di furbizia. Ordinato nello smistare il gioco, mette a referto l’assist su calcio d’angolo per il pareggio di Bonifazi. (dal 25’ s.t. VALDIFIORI 6 – Si rivede in campo dopo essere stato quasi dimenticato negli ultimi mesi. Tiene la posizione senza sbavature, mettendo a segno anche un paio di contrasti preziosi).

MISSIROLI 7 – Cresce esponenzialmente nel secondo tempo, dopo quarantacinque minuti abbastanza anonimi. Tanti i palloni recuperati sulla trequarti bianconera e poi gestiti con grande lucidità e qualità.

FARES 6 – Si dà parecchio da fare, ma non approfitta al meglio delle lacune difensive di Cancelo, sfornando meno cross del solito. Si prende anche il giallo che gli farà saltare la trasferta di Empoli.

PETAGNA 6 – Il lavoro per la squadra non è mancato nemmeno oggi, anche se nel corso dei novanta minuti ha inciso poco, concedendosi diverse pause. (dal 44’ s.t. ANTENUCCI s.v. – Pochi minuti in campo per lui, giusto il tempo per partecipare alla festa).

FLOCCARI 7,5 – Non segnava in serie A da quasi un anno e mezzo, al Mazza da quasi due. Alla Juve aveva segnato il suo primo gol nel massimo campionato nel febbraio 2006. Ci aveva provato anche nel primo tempo, un paio di volte, ma senza fortuna. In quelle che potrebbero essere le sue ultime apparizioni al “Mazza” sta deliziando i tifosi con prove da leone. (dal 39’ s.t. REGINI s.v. – Rinforza l’argine difensivo, con la SPAL che chiude con un 451 senza troppi fronzoli).

SEMPLICI 7,5 – Aggiunge un’altra pagina da ricordare nella sua storia biancazzurra. La sua SPAL si avvicina prepotentemente all’obiettivo salvezza, con una vittoria in casa contro la Juventus che tra una settimana festeggerà l’ottavo scudetto consecutivo: cosa chiedere di più? Azzecca la scelta di Floccari dall’inizio, riordina le idee nell’intervallo, gestisce i cambi al meglio. Applausi.

Lascia un commento


Leaderboard Derby 2019